Ostia: il Ministero della Difesa condanna l’occupazione degli stabili

“Quello di Casapound è un atto gravissimo”: il sottosegretario al Ministero della Difesa Giulio Calvisi condanna fermamente l’occupazione degli stabili dell’Aeronautica Militare in via delle Baleniere a Ostia e annuncia la richiesta di sgombero
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

“Quello di Casapound è un atto gravissimo”: il sottosegretario al Ministero della Difesa Giulio Calvisi condanna fermamente l’occupazione degli stabili dell’Aeronautica Militare in via delle Baleniere a Ostia e annuncia: “La difesa si è già attivata sporgendo una denuncia-querela e predisponendo gli atti per la richiesta di sgombero. L’immobile occupato illegalmente è un edificio mai ultimato, a causa di un contenzioso con la Regione e il Comune – spiega ancora Calvisi – in passato, l’Aeronautica ha più volte provveduto a ripristinare la recinzione e il varco d’ingresso, segnalando alla polizia locale l’accesso non autorizzato da parte di estranei”.

Ostia, tutte le reazioni all’occupazione degli stabili

Intanto, continuano le reazioni sdegnate: “In un momento di difficoltà – ha commentato la consigliera regionale Marta Bonafoni – è intollerabile che qualcuno possa cavalcare la fragilità delle persone con la scusa del diritto all’abitare”. E mentre Casapound fa sapere di non accettare lezioni dal partito democratico che “aiuta gli immigrati”, la sezione Anpi del Decimo Municipio chiede alle autorità competenti di applicare le leggi Scelba e Mancino, che prevedono lo scioglimento delle organizzazioni che si richiamano apertamente al fascismo.

Potrebbero interessarti