Ostia: Decimo Municipio e Balneari bocciano i box anti Coronavirus

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Sul litorale il caldo sta per arrivare e ci si chiede come sarà la prima estate post-Coronavirus. Fa discutere la proposta di un’azienda di Modena che vorrebbe salvare la stagione balneare con box in plexiglas alti due metri

Il caldo sta per arrivare e ci si chiede come sarà la prima estate post- Coronavirus. In queste ore, sta facendo clamore il progetto di un’azienda di Modena che produce pannelli su scala industriale ed ha lanciato una proposta per salvare la stagione della riviera romagnola: box in plexiglas alti due metri e che arrivano a quattro metri e mezzo di lunghezza, allineati sulla spiaggia. All’interno un ombrellone e due lettini.

L’idea non piace  all’assessore all’ambiente del Decimo Municipio Alessandro Ieva

«Ritengo sia assolutamente da non prendere in considerazione – ha dichiarato – non credo che far cuocere al sole le persone tra pannelli in plexiglas possa rappresentare una soluzione. Non nego la mia personale preoccupazione per la salute dei cittadini  anche se con le dovute precauzioni, eventuali assembramenti sulle spiagge sarebbero oggettivamente incontrollabili e l’idea di militarizzare le spiagge non la ritengo percorribile. Una cosa è certa – ha aggiunto Ieva – in questo momento non può essere affidata alla discrezionalità dei comuni la scelta se aprire o meno la stagione balneare con modalità proprie, serve un indirizzo chiaro del Governo che valga per tutti i comuni costieri. Non possiamo permetterci di assistere ad esodi da un luogo all’altro a seconda delle ordinanze balneari e favorire la propagazione del  virus, la norma deve essere chiara, non devono esserci spazi di interpretazione come nel caso emblematico delle proroghe delle concessioni.»

Perplessità vengono espresse anche dal Comitato Balneari di Ostia

« É una soluzione impensabile per noi – afferma il presidente Andrea Defonte – per quanto riguarda le distanze di sicurezza, stiamo pensando anche all’assunzione di alcuni steward per far rispettare le norme.»

Potrebbero interessarti