Ostia: la comunità egiziana dona frutta e verdura alla Croce Rossa

La comunità egiziana di Ostia offre un aiuto concreto alle persone in difficoltà a causa del coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

La comunità egiziana di Ostia offre un aiuto concreto alle persone in difficoltà a causa del coronavirus. I negozi si mettono in rete per dare supporto alle associazioni, tra cui la Croce Rossa Italiana, nella consegna di generi alimentari.

La comunità egiziana di Ostia dona frutta e verdura

In questo momento di emergenza sanitaria ed economica per il blocco della maggior parte delle attività, la comunità egiziana del Decimo Municipio e l’associazione Nuova Organizzazione Interculturale dei Lavoratori offrono un supporto concreto alla collettività. All’iniziativa partecipano numerosi esercizi di vendita di beni di frutta e verdura egiziani, che desiderano offrire il proprio contributo a beneficio di istituti di volontariato, in special modo della Croce Rossa Italiana. Ed è mossa dalla consapevolezza che l’integrazione non significa negare e dimenticare le proprie origini, tradizioni e la propria storia, ma, al contrario, significa valorizzare la propria identità culturale, nel rispetto reciproco e in quanto elemento di arricchimento di tutta la società. Il progetto parte da Ostia grazie all’idea del presidente dell’associazione Atef Metwally che ce ne ha parlato.

Com’è nata l’iniziativa della comunità egiziana di Ostia

“L’iniziativa è nata per dimostrare la vicinanza da parte dell’etnia egiziana in questo momento di difficoltà. – ha spiegato Metwally – E’ un piccolo contributo che vogliamo dare per aiutare le persone in difficoltà. Vorrei ringraziare la Croce Rossa della Regione Lazio che ha accettato la mia idea di andare al mercato generale per raccogliere i contributi di tutti gli egiziani che lavorano in questo settore. Ci stiamo organizzando per allargare l’iniziativa anche a Fiumicino e a tutta Roma”. – conclude il presidente.

Potrebbero interessarti