Ostia: arrestata moldava con mandato di cattura internazionale

La 27enne moldava alloggiava era ricercata per traffico di esseri umani e sfruttamento della prostituzione

moglie

Una senza fissa dimora moldava di 27 anni è stata arrestata dalla Polizia ad Ostia. Su di lei era scattato un mandato di cattura internazionale: è accusata di traffico di esseri umani, in particolare donne da sfruttare nella prostituzione.

Ostia: l’arresto della 27enne moldava

Sulla donna verteva un mandato di arresto internazionale emesso dalle Autorità di Chisinau, in Moldavia. L’arresto eseguito dagli agenti del Commissariato Lido di Roma è avvenuto ieri intorno alle 17.45.

I poliziotti sono stati inviati dalla locale S.O. in Largo Giovanni Roncagli ad Ostia, dove era stata segnalata la presenza di una cittadina straniera che in quel momento alloggiava in un B&B del centro.

In un primo momento gli agenti si sono recati alla reception della struttura ricettiva per verificare se la donna avesse già effettuato il checkout. Il responsabile del b&b, invece, ha confermato che la ricercata aveva attiva la prenotazione fino al 9 gennaio 2021.

Controllati i documenti con cui era stata effettuata la registrazione, i poliziotti si sono appostati nei pressi dell’abitazione in attesa del rientro della donna. Cosa che è avvenuta intorno alle 17.30, quando la moldava, D. S., ha effettuato l’ingresso nella palazzina, accedendo all’appartamento.

A quel punto la pattuglia della Polizia è intervenuta fermando la donna e conducendola presso gli uffici del Decimo Distretto per i rilievi fotodattiloscopici. Confermata l’identità, sono state inevitabili le manette.

Dagli accertamenti sul passaporto personale, poi, è emerso che la 27enne era entrata in Italia intorno alla metà di luglio e di fatto era senza fissa dimora. La donna era ricercata per sfruttamento della prostituzione e traffico di esseri umani.

Leggi anche Piano Freddo, il X Municipio: “Negata l’accoglienza nelle strutture ricettive private”

Piano Freddo, il X Municipio: “Negata l’accoglienza nelle strutture ricettive private”