Nuovo ponte della Scafa: arrivano i “rendering”

Pronti i “rendering” del nuovo ponte della Scafa.  Alcune Associazioni locali avanzano forti perplessità sul progetto a causa delle dimensioni dell’opera.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Grazie ai rendering fatti realizzare dall’Associazione “amici del lungomare” a partire dal progetto originale, si può finalmente osservare l’aspetto realistico del nuovo ponte dalle Scafa che in un futuro prossimo dovrebbe collegare Ostia e Fiumicino.

Alcune associazioni locali  avanzano forti perplessità sul progetto del nuovo ponte della scafa a causa delle dimensioni dell’opera.

« Bisogna fare un ponte che funziona meglio ma non c’è bisogno di metterlo a oltre 18 metri di altezza, per capirci come un palazzo di quasi sette piani – dichiara l’architetto Bruno Spinozzi – tutto il traffico dalla via del Mare a viale dei Romagnoli dovrà essere incanalato, portato attraverso un tracciato in piano e poi un’arrampicata creando dei viadotti veri e propri. É assurdo – continua – anche perché, una volta arrivati dall’altra parte ci si deve incanalare a 30 chilometri orari sulla striscia che va all’Aeroporto. Il problema non verrà risolto».

Si andrebbe a realizzare, dunque, una vera e propria barriera tra Ostia e Ostia Antica, che invece attualmente godono di una benefica continuità.  Oltretutto, l’opera rischia di compromettere l’iter per il riconoscimento dell’area archeologica come patrimonio Unesco: in effetti, a nessuno verrebbe mai in mente di installare un sipario di cemento davanti a Pompei.

Un altro capitolo del nuovo ponte della Scafa è quello relativo all’iter autorizzativo, che interessa vari enti: tra cui Soprintendenza, Consorzio di Bonifica e commissione di riserva.

«Ci sono autorizzazioni che il Comune ha avuto tra il 2007 e il 2008 che ovviamente sono scadute – spiega Spinozzi – i permessi sono tutti da rivedere e questo fa prevedere anni di attesa. La nostra proposta è quella di fare solo il nuovo ponte ma non a questa altezza. Possiamo alleggerire comunque il traffico. L’architetto propone poi di utilizzare i fondi a disposizione per fare il ponte di Dragona che è fermo proprio per mancanza di soldi.

Le associazioni hanno scritto al ministro Franceschini per metterlo al corrente delle ricadute del nuovo ponte – così come è stato concepito, dal punto di vista ambientale, paesistico e culturale

«È nostra convinzione che tutti coloro che sono consapevoli della minaccia ambientale su di un nostro bene culturale primario e soprattutto coloro che sono per istituto a ciò specificatamente preposti debbono fare di tutto per scongiurarla – scrivono  – imporre ai visitatori del Parco Archeologico la vista di una muraglia di cemento che chiude l’orizzonte sarebbe mortificante per tutti e vergognoso per chi l’ha permesso.»

 

Potrebbero interessarti