Ostia, Lido Centro: Retake lancia l’allarme sulle condizioni igieniche del sottopasso della stazione

I volontari di Retake in questo periodo non possono organizzare bonifiche, ma non smettono di segnalare quello che non va ad Ostia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

I volontari di Retake in questo periodo non possono organizzare le bonifiche ma non smettono di segnalare quello che non va in giro per Ostia.

Retake lancia l’allarme sulle condizioni igieniche del sottopasso della stazione Lido Centro

Abbiamo segnalato in questi giorni, tramite una foto scattata dalla finestra, la discarica che è sotto il cavalcavia pedonale della stazione Lido Centro – ha fatto sapere Leandra Gargiulo, vicepresidente del comitato di quartiere Lido Centro – Purtroppo il covid ha fatto venire alla luce tante situazioni che prima erano latenti. La difficile convivenza che c’è alla stazione tra residenti e i senzatetto che vivono in quella zona, in questo periodo si fa sentire ancora di più. Oltre al degrado si aggiunge anche un problema sanitario importante“. – ha concluso.

I volontari di Retake che solitamente si occupano della cura della città in questo periodo non possono fare bonifiche ma hanno comunque deciso di segnalare le pessime condizioni in cui versa la città. In particolare preoccupa il gran numero di guanti e mascherine, potenzialmente infetti, lasciati per strada, sui marciapiedi e nelle aree verdi.

A me è capitato tantissime volte  – aggiunge Gargiulo – di avere discussioni con persone che accostano, aprono il portabagagli e abbandonano rifiuti ingombranti in mezzo alla strada. Non aspettano neanche le ore notturne. In primis chiediamo una sanificazione vera e propria di quelle aree e in secondo luogo il posizionamento di telecamere perchè è l’unico deterrente ad oggi per evitare che queste problematiche si ripresentino da qui a un mese“.

I volontari di Retake chiedono dunque un intervento urgente sia per bonificare le discariche ma soprattutto per liberare strade, parchi e marciapiedi da mascherine e guanti, prima che con le riaperture chiunque possa entrarvi in contatto.

Leggi anche “Acilia: 10 cassonetti per 42 famiglie. Protestano i residenti di Via delle Alghe

Potrebbero interessarti