Infernetto: 37 pini a rischio crollo verranno abbattuti in Viale di Castel Porziano

Lo ha annunciato l’assessore all’ambiente del Decimo Municipio, Alessandro Ieva, che ha precisato che l’amministrazione interviene con l’abbattimento solo se gli alberi sono ritenuti pericolosi dagli agronomi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

37 pini a rischio crollo situati in viale di Castel Porziano all’Infernetto verranno abbattuti. Lo ha annunciato l’assessore all’ambiente del Decimo Municipio Alessandro Ieva.

Infernetto: i 37 pini che verranno abbattuti in Viale di Castel Porziano

La verifica fitosanitaria dei pini situati lungo Viale di Castel Porziano, all’Infernetto, ha consentito all’amministrazione del Decimo Municipio di conoscere lo stato di salute di 519 alberi. Di questi, 405 sono appartenenti alla classe “C” per la quale è raccomandata la cura e la potatura, 77 rientrano nella categoria c-d e quindi è necessario ridurne il rischio di caduta, infine 37 sono da abbattere.

Presentano difetti strutturali e morfologici – ha spiegato l’assessore all’ambiente Alessandro Ieva – la loro prospettiva di vita è gravemente compromessa e ogni intervento di risanamento risulterebbe vano.

infernetto

Nel sito analizzato all’Infernetto, si riscontrano diverse criticità che costringono gli alberi a vegetare con apparati radicali in porzioni di suolo di limitate dimensioni. Le alberature sono posizionate a poca distanza dalla strada, da un lato della carreggiata si trovano proprio sul bordo del canale aperto; dall’altro sono radicate lungo il marciapiede in piccole tazze quadrangolari con terreno costipato e poco drenante.

Altre anomalie – ha proseguito Ieva – sono determinate dalle presenze di un coleottero aggressivo che nel giro di pochi anni può portare la pianta alla morte e di un pericoloso insetto che colonizza gli aghi del pino, indebolendolo gradualmente.

Voglio precisare che questa amministrazione interviene con l’abbattimento solo se gli alberi sono ritenuti pericolosi dagli agronomi. In questo caso seguirà un reimpianto di compensazione nelle aree vicine, dove realizzare piccoli nuclei di arbusti da adibire a parco” – ha concluso.

Ti può interessare anche “Ostia: Piazza Bottero in pessime condizioni. I residenti chiedono aiuto al Municipio

Ostia: Piazza Bottero in pessime condizioni. I residenti chiedono aiuto al Municipio

Potrebbero interessarti