Infernetto, morta la signora picchiata a sangue dalla sua badante

L’anziana signora era stata assalita a calci e pugni: il decesso dopo un mese di agonia. In arresto la badante, già nota alle forze dell’ordine
Infernetto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Colpita con calci e pugni, e poi lasciata a terra per un’ora: l’anziana signora residente all’Infernetto, picchiata dalla sua badante a inizio maggio, purtroppo non ce l’ha fatta. Dopo un mese di agonia Maria Luisa Lombardi è morta in ospedale, dove era ricoverata dal giorno in cui era stata aggredita. La badante ora è in carcere con l’accusa di maltrattamento e lesioni, ma la sua posizione si aggrava.

Badante orco all’Infernetto: morta dopo un mese di agonia l’anziana signora picchiata a sangue

Maria Luisa Lombardi se n’è andata, dopo oltre un mese in cui ha lottato tra la vita e la morte nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale San Camillo di Roma. La signora, invalida di 81 anni, era stata ricoverata al Pronto Soccorso all’inizio di maggio, in stato di incoscienza. A chiamare il 118 la sua badante, che aveva riferito di una caduta accidentale.

Ma appena giunti nella casa, nel quartiere dell’Infernetto, i soccorritori si erano subito insospettiti. Le lesioni della signora infatti non erano compatibili con una semplice caduta. E così i familiari dell’anziana hanno allertato i carabinieri della stazione di Casal Palocco.

infernetto

Dalle immagini delle telecamere dell’impianto di videosorveglianza, installate nella casa, è emersa subito l’agghiacciante sequenza: nel video, analizzato dagli inquirenti, si vede distintamente la badante che colpisce ripetutamente la signora, con calci e pugni.

Maria Luisa Lombardi è stata poi lasciata a terra per oltre un’ora, prima che la sua aguzzina chiamasse l’ambulanza.

“E’ caduta da sola e ha perso i sensi”, aveva dichiarato ai carabinieri l’assistente dell’anziana, una 52enne originaria dell’est Europa. Ma la sua versione, come affermano gli investigatori della Procura di Roma, è stata smentita dalle immagini. Senza regolare permesso di soggiorno, la donna era già nota alle forze dell’ordine.

Con la morte della signora Lombardi la posizione della badante si aggrava: già detenuta presso il carcere di Rebibbia con l’accusa di maltrattamenti e lesioni contro familiari o conviventi, ora dovrà probabilmente rispondere di omicidio preterintenzionale.

Leggi qui le circostanze dell’arresto: Infernetto: arrestata una badante 52enne per maltrattamenti su un’anziana invalida

Infernetto: arrestata una badante 52enne per maltrattamenti su un’anziana invalida

 

Potrebbero interessarti