Infernetto, Michelino Fish: “Da noi nessun caso di coronavirus, la Regione ha sbagliato”

Il noto ristorante di pesce dell’Infernetto era stato costretto a chiudere a luglio per qualche giorno: la Regione aveva parlato di positività al tampone di una dipendente
michelino fish
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Una dipendente del noto ristorante Michelino Fish, all’Infernetto, è risultata positiva al covid-19: per questo motivo la Asl Roma 3 ha disposto la sospensione temporanea dell’attività. Recitava così il comunicato diramato dalla Regione Lazio il 23 luglio scorso. Poi, però, è emersa un’altra verità, e ora il titolare ritiene di aver subito un’ingiustizia.

Guarda il servizio di Fausto Trombetta:

video

Michelino Fish, il proprietario: “Abbiamo subito un danno economico e di immagine”

Quello della lavoratrice di Michelino Fish sembra a tutti gli effetti un caso di falso positivo. Dopo un primo tampone che la Regione Lazio comunica essere positivo, la lavoratrice del locale si è sottoposta ad altri due test: entrambi però negano la presenza del virus. A quel punto la donna ha effettuato un esame sierologico: il risultato del test ha escluso il contagio da covid-19 anche per il passato. La dipendente dunque, non ha mai contratto l’infezione.

michelino fish

“Dopo aver fatto il secondo e il terzo tampone negativo le abbiamo fatto fare il test sierologico. Quest’ultimo esame ad oggi ci dice che non ha mai avuto il covid-19”, spiega il proprietario del locale. “Non so se si sia trattato di un errore umano o del tampone, ma in ogni caso abbiamo subito un danno sia di immagine che economico”.

Un altro particolare paradossale che emerge dalla vicenda è che i clienti del ristorante, dopo la sospensione dell’attività non sono mai stati contattati dalla Asl Roma 3. “Noi abbiamo comunicato gli elenchi con i nomi e i numeri di telefono degli avventori alla Asl, eppure non li ha mai chiamati nessuno”, sottolinea il titolare di Michelino Fish.

La Regione però aveva assicurato che i clienti sarebbero stati avvisati e invitati a recarsi al drive-in di Casal Bernocchi per effettuare il tampone. Qualcosa, evidentemente, non ha funzionato nelle procedure attivate dalla Pisana.

Leggi anche: Ostia, la pista ciclabile ancora al centro delle polemiche

Ostia, la pista ciclabile ancora al centro delle polemiche

Potrebbero interessarti