Furiosa mareggiata, onde alte tre metri. Timori per l’erosione

Imponente mareggiata flagella le coste romane. Timori dei concessionari balneari
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Una imponente mareggiata sta flagellando le coste romane in queste ore di allerta meteo. Le onde alte anche tre metri unite al forte vento di maestrale stanno sottraendo metri alla linea di costa mettendo a repentaglio la stabilità delle strutture balneari.

Come documenta il video girato da Alberto Sugaroni direttamente sulla spiaggia, la forza del mare e del vento stanno erodendo metri di battigia. Un bilancio si potrà fare solo al termine della fase di maltempo ma i concessionari sono in ansia per i loro impianti.

Il vento in serata ha raggiunto raffiche alla velocità di 90 in/h.

Soprattutto lungo la costa a levante della foce del Canale dei Pescatori, la furia delle onde è più minacciosa e distruttiva. Si spera che alla Nuova Pineta il ripascimento attuato con la draga a inizio stagione possa tenere.

Spiega Emanuele Valeri, appassionato di meteorologia: “Da Ostia e dalla stazione di Ponente siamo arrivati a 90.1 km/h. Per la scala di Beaufort possono essere definiti venti di tempesta equivalente a forza 10. Tra l’altro c’è da specificare che al contrario di quelle degli anni passati, questa mareggiata proviene da Ovest pieno con fetch diretto dalle bocche di Bonifacio. Non è un evento eccezionale ma è la condizione per cui il mare sul nostro litorale può risultare particolarmente agitato. Il vento continuerà a pompare fino alle prime ore del mattino di domani, quando potrebbero registrarsi danni da erosione e alberi caduti. Nel pomeriggio di sabato la scaduta, poi intensifica di nuovo con pioggia e vento di nuovo nella giornata domenica”.

Insomma, bisogna prestare attenzione contro i rischi di caduta di oggetti dai palazzi e per il crollo di rami.

 

Potrebbero interessarti