Ferragosto, pienone sulle spiagge del litorale romano

Tutto esaurito sugli arenili di Fregene, Ostia, Fiumicino e Maccarese. Annullate tutte le manifestazioni pubbliche, vietatissimi i tradizionali falò notturni in spiaggia
Ostia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Ferragosto affollato sul litorale romano, dove fin dalle prime ore della mattina nelle spiagge libere e in diversi stabilimenti di Fregene, Ostia, Fiumicino e Maccarese si è registrato il tutto esaurito. Il caldo africano ha spinto molti cittadini romani a riversarsi sugli arenili. Cancellate invece tutte le manifestazioni pubbliche, come concerti, sagre, mercatini e fuochi d’artificio, in considerazione dell’aumento dei contagi registrato negli ultimi giorni.

Pienone sulle spiagge del litorale romano: il Ferragosto registra il tutto esaurito

Ferragosto in spiaggia per molti romani: affollate fin dalla mattina le spiagge libere del litorale, da Fregene a Ostia, ma anche diversi stabilimenti. Complice il caldo record, il mare è stata la meta preferita dalla maggioranza dei residenti della Capitale: deserto invece il centro di Roma.

Ferragosto

Vietato invece l’accesso al mare e alle spiagge dalle 21 e 30 in poi, per evitare che i giovani si ritrovino per i tradizionali falò di Ferragosto sull’arenile. Abolite tutte le sagre, le feste e i fuochi d’artificio.

Quest’anno niente bancarelle serali sul lungomare ostiense, come anche su quello del Comune di Fiumicino: i contagi in risalita hanno obbligato alla scelta più prudente le amministrazioni cittadine.

Per la festività la presidente del X Municipio Giuliana Di Pillo ha lanciato l’appello: “Non abbassiamo la guardia e continuiamo a mantenere una condotta responsabile”.

“Il rischio che ci possa essere una risalita importante dei contagi è alto, per questo invito tutti al senso di responsabilità e a rispettare le misure di sicurezza, a tutela della propria salute e di quella degli altri”, conclude Di Pillo.

Leggi anche: Coronavirus, lo sfogo dell’infermiere: “Dite che non c’è covid, tanto nella tuta a 30° ci stiamo noi”

Coronavirus, lo sfogo dell’infermiere: “Dite che non c’è covid, tanto nella tuta a 30° ci stiamo noi”

Potrebbero interessarti