Decimo Municipio: È partita la Fase-2 anche nel Trasporto Pubblico

Decimo Municipio: Per la fase-2 l’Atac ha messo in campo una serie di regole per tutelare la sicurezza sui mezzi pubblici
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Decimo Municipio: È partita la Fase-2 anche nel Trasporto Pubblico. L’Atac ha messo in campo una serie di regole per tutelare la sicurezza sui mezzi pubblici. Nessun assalto ai bus, la situazione risulta, per il momento, piuttosto tranquilla

La fase due è partita anche per il Trasporto Pubblico, da sempre un tasto dolente nella capitale e in particolar modo nel Litorale. In questi giorni, nel Decimo Municipio, la situazione è piuttosto tranquilla. Le persone che sono tornate al lavoro sono ancora poche e questo ha favorito, e di molto, la fruizione dei mezzi con le restrizioni. L’Atac ha infatti messo in campo una serie di rigorose regole: obbligo di indossare a bordo le mascherine, adesivi sui sedili da non occupare, distanziamento di almeno un metro tra i passeggeri, percorsi diversi per ingresso e discesa. Mancano i dispenser con il gel igienizzante, ma soprattutto non è ancora chiaro chi deve far rispettare le disposizioni imposte. Per il momento sembra che se ne stiano occupando gli stessi conducenti o gli addetti della sicurezza.

Fase-2 nel Trasporto Pubblico: Autisti e passeggeri sono soddisfatti. “Le regole vengono rispettate.”

«Per prendere il treno ho impiegato 5 minuti – raccontano i passeggeri –  c’e’ sicurezza, i percorsi sono diversi e tutti hanno le mascherine e i guanti. Non abbiamo trovato i gel igienizzanti ma li abbiamo noi. C’è qualcuno che non rispetta le distanze ma sono pochi.» «Devo complimentarmi con l’utenza – dichiara un autista – sul mio mezzo non è salito nessuno senza mascherina, mi voglio complimentare. Noi facciamo il nostro dovere nel guidare e i cittadini dovrebbero autoregolamentarsi. Mi raccomando, vogliamoci bene.»

Incredibile a dirsi, ma in questo periodo di emergenza sembra essere calata l’ascia di guerra tra l’Atac e gli utenti. Tutti, infatti, si appellano al senso di responsabilità, nella speranza che questa fase passi in fretta con la collaborazione di ciascuno di noi.

 

 

 

 

Potrebbero interessarti