Fase 2, Decimo Municipio: Il PD chiede di raddoppiare le corse di alcuni bus

Tra le richieste, la rimodulazione delle linee 01, 014, 061 e 070 e una nuova corsa con partenza alle 4:30 dalla stazione Colombo
pd
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Alla luce dei disagi emersi con la Fase 2, il PD chiede all’Agenzia Roma Servizi per la Mobilità di raddoppiare le prime partenze di alcune linee bus.

PD: “Raddoppiare le prime corse di alcune linee bus”

Il consigliere PD di Roma Capitale Giovanni Zannola ha inviato una lettera all’agenzia ‘Roma Servizi per la Mobilità’, l’organismo che ha il compito di pianificare la rete di trasporto pubblico locale.

Scopo dell’iniziativa è quello di fornire risposte urgenti ai cittadini del Decimo Municipio, alla luce dei numerosi disagi che si verificano in questa fase 2 dell’emergenza Coronavirus.

“Vista la notevole affluenza di passeggeri che si registra tra le 4:55 e le 6:30 – spiega Zannola in una dichiarazione congiunta con Leonardo Di Matteo, delegato trasporti PD Roma – è necessario intensificare le prime partenze dei bus diretti alle stazioni mettendo in servizio una coppia di vetture della stessa linea. In particolare, la rimodulazione delle linee 01, 014, 061 e 070 garantirebbe maggiore sicurezza e distanziamento sociale.

pd

In seconda battuta, il PD, dopo aver richiesto il rifacimento delle corsie centrali della Cristoforo (leggi qui), ha ufficializzato un’altra proposta che riguarda il trasporto pubblico locale su questa arteria.

“Si potrebbe prevedere una nuova corsa con partenza alle 4:30 dalla stazione Colombo – prosegue la nota – così da consentire ai cittadini del litorale diretti a Roma di agganciare la coincidenza della metro B presso la stazione Eur Fermi alle 5:30. In tal senso, è stata già avviata una raccolta firme dalla portavoce degli utenti del servizio notturno Paola Schintu, poiché nelle condizioni attuali i pendolari provenienti dal Decimo Municipio sono costretti ad utilizzare il mezzo privato per raggiungere in tempo il posto di lavoro. Il trasporto pubblico è a tutti gli effetti un diritto dei cittadini – conclude la lettera – e quella attuale è una situazione poco sostenibile, dal punto di vista sociale, ambientale ed economico.”

Ti può interessare anche “Ostia: gli aiuti del Governo non arrivano e i cittadini si rivolgono agli usurai

Ostia: gli aiuti del Governo non arrivano e i cittadini si rivolgono agli usurai

Potrebbero interessarti