Elena Aubry, sei persone indagate per omicidio stradale: rischiano fino a 7 anni

La mamma della ragazza morta in moto sulla via Ostiense: “Purtroppo, ci è voluta la morte di mia figlia per svelare quanta indifferenza c’è su questo tema nella pubblica amministrazione”
elena aubry
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Elena Aubry, la ragazza romana di 26 anni che il 7 maggio 2018 perse la vita in un incidente con la sua moto sulla via Ostiense, morì a causa dell’asfalto dissestato e per le pessime condizioni in cui era ridotta la strada, nel tratto di Ostia. La Procura ha chiuso le indagini: sei le persone indagate con l’accusa di omicidio stradale, e non più di semplice omicidio colposo.

Elena Aubry, chiuse le indagini: per sei funzionari l’accusa è di omicidio stradale

La Procura ha finalmente chiuso le indagini. Per i pm la tragedia di Elena Aubry è da addebitare a chi doveva vigilare sulle condizioni della strada e non l’ha fatto: indagati due dirigenti del dipartimento Simu di Roma Capitale, un funzionario del Decimo Municipio, il titolare della ditta incaricata della manutenzione e due delegati della stessa azienda responsabili della sicurezza.

Guarda il video:

video

L’accusa è di omicidio stradale, e il rinvio a giudizio dovrebbe essere molto vicino. Fondamentale si è rivelata la testimonianza dell’infermiera che per prima si fermò a soccorrere la giovane motociclista, rintracciata dopo diversi mesi incrociando i dati del traffico telefonico.

Elena Aubry

Come già affermato da altri testimoni oculari, Elena non correva in sella alla sua moto e sbandò a causa di avvallamenti e radici.

“Spero che l’eventuale processo imponga quanto dovrebbe essere ovvio: le strade vanno curate, altrimenti si muore”, ha commentato la mamma della ragazza, Graziella Viviano. “Purtroppo, ci è voluta la morte di mia figlia per svelare quanta indifferenza c’è su questo tema nella pubblica amministrazione”, ha aggiunto.

Leggi anche: Elena Aubry, le ceneri rubate tornano a casa: corteo di motociclisti per accompagnare la mamma

Elena Aubry, le ceneri rubate tornano a casa: corteo di motociclisti per accompagnare la mamma

Potrebbero interessarti