Dragona, denunciato un pedofilo: molestie sessuali contro alcune bambine al parco

Denunciato un uomo di circa 70 anni per molestie sessuali: vittime un gruppo di bambine. L’allarme dei cittadini: “Serve più sicurezza”
DRAGONA
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Nel pomeriggio di ieri a Dragona un molestatore pedofilo ha importunato pesantemente alcune bambine. Immediata la denuncia dei genitori alle forze dell’ordine, ma c’è preoccupazione tra i cittadini per il pericolo che corrono i più piccoli e i più giovani in luoghi pubblici come parchi e giardini. Le gravi molestie sono avvenute nel Parco Donne Vittime del Femminicidio, lungo la via dei Romagnoli.

Molestie al Parco di Dragona, cittadini in allarme: “Serve più sicurezza”

Le pesantissime molestie ai danni di alcune bambine sono avvenute ieri pomeriggio a Dragona, presso il Parco Donne Vittime di Femminicidio. I genitori delle piccole hanno immediatamente sporto denuncia contro il molestatore, ma allo stesso tempo le mamme vogliono mettere in guardia la cittadinanza: a Dragona c’è un pedofilo molestatore che gira nei parchi.

Il Comitato Cittadino di Dragona avverte: i cittadini hanno bisogno di più sicurezza. “Proprio le mamme, preoccupate, ci hanno chiesto di sensibilizzare la cittadinanza”, spiega ai nostri microfoni Jacopo Innocenzi, presidente del Comitato.

dragona

“Ieri, intorno alle 16, alcune bambine che chiacchieravano nel Parco sono state avvicinate da un uomo, di età intorno ai 65-70 anni. L’anziano le ha importunate con atti molesti, provocando il loro timore e disgusto”, racconta Innocenzi.

“Le bambine si sono immediatamente allontanate chiedendo aiuto“, spiega il presidente del Comitato. “E’ indispensabile che i cittadini intervengano in prima persona in queste situazioni, senza girarsi dall’altra parte”, sottolinea Innocenzi.

“Come Comitato Cittadino di Dragona ci sentiamo in dovere di sensibilizzare tutti i nostri concittadini, invitandoli ad intervenire, sempre, contro atti di questo tipo e a difesa di chi, in questi casi, è più debole. Da parte nostra faremo il possibile affinché atti come questi non si verifichino più, da nessuna parte”, si legge nel comunicato diramato dal Comitato.

“Finché questo pedofilo non verrà arrestato per i più giovani sono diventati a rischio anche luoghi frequentati come il Parco Donne Vittime di Femminicidio, al centro del quartiere e zona di passaggio”, conclude il presidente del Comitato.

Leggi anche: Ostia: siringhe ritrovate in spiaggia. Continuano le polemiche

Ostia: siringhe ritrovate in spiaggia. Continuano le polemiche

Potrebbero interessarti