Coronavirus: la psicosi arriva anche sul litorale

Diffidenza e intolleranza: ecco cosa sta provocando la psicosi da coronavirus sul litorale. Mentre le attività cinesi si svuotano, primi episodi di razzismo.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Nelle ultime settimane prenotazioni e ordini nei negozi e nei ristoranti cinesi del litorale sono drasticamente ridotti.  La psicosi da coronavirus sembra essere arrivata anche sul litorale. Il calo delle vendite è diminuito notevolmente e gli esercenti pensano sia dovuto proprio alla paura, immotivata, del contagio. « Da qualche settimana nel mio negozio entrano molte meno persone e questo credo sia dovuto alla paura del virus, io però non ne capisco il motivo, ci riforniamo da fornitori italiani sia nei negozi che nei ristoranti quindi il timore non è fondato» racconta la titolare di un negozio di Ostia. Non solo clienti in fuga da negozi e ristoranti, la psicosi Coronavirus ha purtroppo coinvolto anche i bambini. A Parco Leonardo una bimba cinese di 4 anni è stata aggredita verbalmente mentre  passeggiava con la mamma. «Giovedì scorso io, il mio compagno e mia figlia italo-cinese eravamo a Parco Leonardo» racconta Roberta «mentre entravamo li, quattro ragazzi si sono girati e hanno gridato e offeso mia figlia. Per fortuna lei non si è accorta di niente ma questa cosa mi fa riflettere. Forse questa psicosi ha dato il via libera a molte persone che sono razziste dentro a fare quello che vogliono.»

La paura del contagio da Coronavirus è arrivata anche tra i banchi di scuola

In una scuola di Ostia le famiglie, allarmate dalla presenza di un bimbo cinese appena rientrato dalla Cina per timore  hanno deciso di tenere a casa i propri figli e così la famiglia del bambino ha preferito non mandarlo in classe.

Contro la ‘psicosi da Coronavirus è scesa in campo l’amministrazione del X municipio.

La presidente Giuliana Di Pillo, gli assessori municipali Alessandro Ieva e Silvana Denicolò, ed il consigliere capitolino Paolo Ferrara hanno pranzato  in un noto ristorante cinese del territorio.

«Con questo gesto simbolico, vogliamo dimostrare la nostra vicinanza alla comunità cinese e italo-cinese che sta subendo un fortissimo danno economico dovuto alla vicenda del coronavirus. Questo locale, – spiegano – come tanti altri, sono serviti da fornitori italiani e per questo gli effetti negativi si riflettono anche su di loro. Cerchiamo di vivere serenamente le nostre abitudini senza farci prendere dall‘ansia e dalla paura e seguire le indicazioni del Ministero della Salute» concludono.

Potrebbero interessarti