Coronavirus, l’assessore D’Amato: “Ora multe a chi non indossa la mascherina”

I vertici regionali preoccupati dall’aumento dei casi di contagio emersi nel fine settimana: continuano le chiusure di locali
coronavirus
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Dopo la chiusura per coronavirus dello stabilimento balneare La Vela a Ostia e del ristorante Old Wild West a Dragona, la postazione per i tamponi drive-in in via di CasalBernocchi è stata presa d’assalto dai clienti di entrambi i locali, che hanno deciso di fare il test su base volontaria. Contagiati tutti i coinquilini del dipendente dello stabilimento, residenti in una palazzina al centro di Ostia, non lontano dalla stazione Lido Centro. L’assessore alla Sanità regionale, Alessio D’Amato, è preoccupato dall’aumento dei contagi a Roma: sono 68 i pazienti attualmente ricoverati all’ospedale Spallanzani di Roma. “Ora multe a chi non indossa la mascherina“, annuncia.

Coronavirus, vertici regionali preoccupati dall’aumento dei casi: in arrivo stretta sull’uso delle mascherine

Se i dipendenti dello stabilimento La Vela di Ostia sono risultati tutti negativi al tampone, non è stato così per i sei coinquilini dell’aiuto-cuoco della struttura, ora ricoverato allo Spallanzani. I conviventi del “Paziente Uno” del cluster lidense sono stati tutti contagiati.

coronavirus

Irrintracciabile il settimo coinquilino dell’aiuto cuoco de La Vela

Tutti di origine bengalese, i conviventi dell’addetto alle cucine dello stabilimento La Vela, contagiati dal coronavirus, sono residenti in una delle palazzine dei pressi di Lido Centro. Un settimo coinquilino risulta invece al momento  irrintracciabile: gli addetti all’indagine epidemiologica ordinata dalla Asl Roma 3 lo stanno attivamente ricercando in tutta Italia.

coronavirus

Nel corso del fine settimana la Asl Roma 3 ha disposto il blocco della discoteca romana “Il Circolo del Mandrione”, dove 80 persone ballavano al chiuso senza alcun distanziamento né mascherine. Chiuse tre piazze a Trastevere, Monti e San Lorenzo per assembramenti.

In arrivo una stretta sull’uso delle mascherine

E così la preoccupazione dei vertici regionali per l’aumento dei contagi a Roma ha indotto l’assessore alla Sanità a prendere provvedimenti, nel timore che poi possa essere troppo tardi. “Sto preparando un’ordinanza per rendere obbligatorio l’uso della mascherina anche all’aperto, quando si è in presenza di altre persone”, dichiara in un’intervista alla stampa.

Per l’assessore alla Sanità D’Amato il calo di attenzione da parte dei cittadini romani sull’uso delle mascherine è evidente: nell’ultima settimana registrato un 40 per cento in meno di vendite nelle farmacie della Capitale .

Rischiamo di vanificare tutti gli sforzi di contenimento del virus fatti durante il lockdown, è il ragionamento di D’Amato, che annuncia una stretta nei controlli: in arrivo multe salate per chi non indossa le mascherine.

Leggi anche: Coronavirus a Ostia: negativi i tamponi dei dipendenti dello stabilimento La Vela

Coronavirus a Ostia: negativi i tamponi dei dipendenti dello stabilimento La Vela