Fase 2: le proposte del comitato Pendolari Roma-Ostia inviate alla Regione

Il comitato “Pendolari Roma-Ostia” ha avanzato alcune proposte per garantire la sicurezza dei passeggeri e dei lavoratori.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Il comitato “Pendolari Roma-Ostia” ha scritto all’assessorato alla mobilità e al trasporto della Regione per avanzare alcune proposte in merito alla ripresa del servizio durante la cosiddetta “Fase 2” per garantire la sicurezza dei passeggeri e dei lavoratori.

Comitato Pendolari Roma-Ostia: “Vanno rafforzate le corse”

“Per il settore del metro-ferro – si legge nella missiva del Comitato Pendolari Roma-Ostia – occorre ripristinare entro fine maggio gli orari ufficiali ordinari, ma si possono escludere le corse speciali verso gli istituti scolastici e i cimiteri. Vanno ampliate le fasce di punta sia della mattina che del pomeriggio per consentire ai viaggiatori di fruire di una migliore distribuzione del servizio pubblico. Da giugno andrebbe ripristinato l’orario notturno, prolungandolo fino alle 23. Per la Roma-Lido, invece, chiediamo che la Regione solleciti il comune affinché Atac sia messa in condizione di avviare immediatamente il recupero e la riparazione di tre convogli attualmente inutilizzati nel deposito, a Magliana. Inoltre, l’offerta va ulteriormente rinforzata con l’inserimento di corse aggiuntive“. – conclude il Comitato Pendolari Roma-Ostia.

comitato pendolari roma-ostia

Atac, avviati i primi test sul contingentamento dei mezzi pubblici

Intanto, Atac ha avviato i primi test sul contingentamento dei mezzi pubblici per la fase 2. Le sperimentazioni si sono tenute alla stazione di San Giovanni per la metro e al capolinea di Arco di Travertino per i bus. Il problema della sicurezza è centrale e per questo l’azienda vorrebbe consentire l’accesso soltanto ai passeggeri che indossano le mascherine. Sulle banchine e in fila si deve rispettare un metro di distanza. Infine, ci si può avviare verso i treni soltanto in gruppi da 30. Purtroppo, nonostante siano ancora poche le persone in giro, non sono mancate le file.

Leggi anche “Stazione Acilia Sud: ancora lunghi i tempi per la fine dei lavori

Potrebbero interessarti