Covid-19: tensione al centro di accoglienza per migranti dell’Infernetto

Infernetto: sottoposti a nuovo tampone gli ospiti del centro di accoglienza. Tensioni per i risultati dei test. Necessario l’intervento della Polizia per riportare la calma
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Ancora tensioni al centro di accoglienza per migranti di Via Ennio Porrino all’Infernetto. Nella struttura erano presenti  diversi positivi al Covid-19.  Gli ospiti questa mattina sono stati sottoposti a nuovo tampone, non avendo ottenuto il risultato immediato hanno cominciato a protestare. Necessario l’intervento della Polizia per riportare la calma.

Tensione al centro di accoglienza per migranti. Gli ospiti, sottoposti al tampone, pretendevano la risposta immediata

Infernetto: nei giorni scorsi la Asl Roma 3 aveva ordinato la quarantena a tutti gli ospiti del centro di accoglienza per migranti di Via Ennio Porrino. Nella struttura infatti diverse persone sono risultate positive al tampone e uno è stato ricoverato.

Questa mattina intorno alle 11.00  i 95 ospiti della struttura sono stati sottoposti a un nuovo tampone. Quando hanno capito che il risultato del test non sarebbe arrivato subito hanno cominciato a protestare urlando contro il personale sanitario e gli infermieri presenti all’interno del centro.

Il personale ha contattato la Polizia. Sul posto sono intervenute quattro volanti. Gli agenti sono riusciti a riportare la calma all’interno del centro di accoglienza.

Nel corso della giornata dovrebbero essere resi noti i primi risultati dei test.

Solo qualche giorno fa, all’interno del centro, si era verificato un episodio simile. In questo caso alcuni migranti risultati positivi al tampone avevo mostrato segni di insofferenza e volontà di non rispettare la quarantena. Anche in questo caso era intervenuta la Polizia per far tornare la situazione alla normalità.

 

Leggi qui la notizia: Cluster di covid in un centro di accoglienza, migranti in rivolta

Cluster di covid in un centro di accoglienza, migranti in rivolta

Potrebbero interessarti