Ostia, il primo Cavalcavia chiuso per due settimane

Proseguono i lavori sulle strade di Ostia. Il cavalcavia di via Gaetano Chierchia resterà chiuso per due settimane. A renderlo noto è lo stesso Decimo Municipio.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Proseguono i lavori sulle strade di Ostia. Il cavalcavia di via Gaetano Chierchia resterà chiuso per due settimane. A renderlo noto è lo stesso Decimo Municipio.

“Si comunica  – si legge nella nota – che dalle 7.30 del 31 agosto 2020 e fino al 12 settembre 2020, avranno inizio i lavori di manutenzione del cavalcavia ferroviario di Via Gaetano Chierchia sopra passante la ferrovia Roma-Ostia Lido. La zona sarà, pertanto, chiusa al transito veicolare nel tratto compreso tra Via Paolo Orlando e Piazza Gregorio Ronca”.

Chiuso il cavalcavia: ecco gli interventi

L’intervento, esteso anche ai marciapiedi, consiste nella demolizione e rimozione della pavimentazione stradale fino alla soletta di calcestruzzo, l’impermeabilizzazione dell’impalcato, rimessa in quota dei cigli dei marciapiedi e il rifacimento della pavimentazione stradale.

Soddisfatto il cdq Lido Centro

Soddisfazione è stata espressa dal presidente del Cdq Lido Centro Vincenzo Giojelli che ha dichiarato: “Ben vengano i lavori volti a migliorare o mantenere la sicurezza e il decoro del territorio. Bisogna valutare con obiettività le opere evitando opposizione sterile e pretestuosa”. La notizia è stata accolta con favore anche da molti residenti che chiedono però il rispetto dei tempi per la conclusione dei lavori. “E’ un’ottima notizia poichè la struttura ha bisogno di manutenzione – hanno commentato sui social – speriamo solo che si rispettino i tempi annunciati perchè quello è un cavalcavia strategico per raggiungere molte scuole e la Asl di via Federico Paolini”.

 

Ti potrebbe interessare leggere anche: Dai giardini ai marciapiedi passando per strade e rifiuti: Ostia Ponente è sempre più abbandonata

 

 
Potrebbero interessarti