Ostia: degrado nei giardini adiacenti a Regina Pacis. Un uomo nudo si lava alla fontanella

Ostia: i giardini di Regina Pacis si sono trasformati in un bagno pubblico. Alcuni senzatetto hanno utilizzato la fontanella per lavarsi. Bordoni: «un pessimo biglietto da visita»
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...
Ostia: degrado nei giardini adiacenti alla chiesa Regina Pacis. Un uomo nudo si lava alla fontanella. Il consigliere capitolino Davide Bordoni denuncia: «un pessimo biglietto da visita per la città.»

Ostia: degrado nei giardini adiacenti a Regina Pacis. Un uomo nudo si lava alla fontanella

«Un pessimo biglietto da visita entrando in città proprio sotto il naso del Decimo Municipio in piena zona centrale, i giardini pubblici tra sporcizia e degrado sono diventati un bagno, per non dir peggio, a cielo aperto – così in una nota il consigliere capitolino della Lega-Salvini Premier Davide Bordoni – nei pressi dei giardini di Regina Pacis dove si trova il monumento ai caduti, una situazione vergognosa oltre che illegale, dove accampati e sbandati senza fissa dimora sono intenti, tra l’imbarazzo e lo sgomento generale, a lavaggi e abluzioni completamente nudi. A Ostia dovrebbero mettere l’obbligo di indossare le mutande non le mascherine. Cose inaccettabili per un paese civile, preoccupa questa sciatteria in cui è scivolato il litorale romano, una zona turistica da valorizzare. La stagione del Covid avrebbe dovuto insegnare l’importanza di mantenere livelli accettabili di pulizia e igiene indipendentemente dall’emergenza sanitaria tutt’ora in corso, ma non si riesce a trovare un argine alle nuove povertà. Non è più tempo di seguire la linea de buonismo lasciando chi è in difficoltà senza un aiuto nella pretesa di avere poi comportamenti civili: serve intervenire perché l’attuale modo di trattare tali criticità è sintomo di grave indifferenza dall’Amministrazione.»
Potrebbero interessarti