Attraversamenti pedonali rialzati fuorilegge, via anche a Longarina

Dopo quelli di via delle Fiamme Gialle, si demoliscono anche gli attraversamenti pedonali rialzati di via Luigi Pernier. Previsti tre giorni di lavori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Per il Codice della Strada gli attraversamenti pedonali rialzati sono fuorilegge perché pericolosi per la circolazione. Perciò vanno rimossi.

Salvo imprevisti, da oggi, martedì 29 settembre, e per tre giorni, ruspe al lavoro su via Luigi Pernier, l’asse stradale che attraversa tutta la frazione della Longarina di Ostia Antica. Si rimuovono gli attraversamenti pedonali rialzati che da quasi un ventennio limitano efficacemente la velocità sul lungo rettilineo. A dire il vero, realizzati con approssimazione, negli anni sono stati più volte maledetti dagli automobilisti e persino dagli autisti dei bus Atac perché il dislivello dei dossi rispetto al piano stradale è eccessivo e i pianali delle vetture strusciano sulla superficie.

A definire divieti di sosta con rimozione da ambo i lati di via Luigi Pernier e il senso unico alternato nei pressi del cantiere, è una specifica determina firmata dal comandante del gruppo Roma X Mare, Emanuele Stangoni. I lavori, meteo permettendo, dureranno da oggi per tre giorni.

I lavori fanno seguito a quelli già eseguiti il 6 luglio per la rimozione degli attraversamenti rialzati in via delle Fiamme Gialle. Anche in quel caso fu la Polizia locale a chiedere lo smantellamento: il Codice della Strada vieta la presenza di dossi artificiali sulle strade pubbliche. A maggior ragione se quei percorsi sono impiegati da mezzi di pronto intervento.

Ci si interroga se il provvedimento dovrà riguardare anche il tratto di lungomare Paolo Toscanelli e di lungomare Duca degli Abruzzi dove la demolizione sarebbe molto più complicata: in quel caso, infatti, i dossi sono realizzati con blocchetti di selce, i famosi sampietrini.

Ma, soprattutto, ci si chiede con quali strumenti si intende contrastare l’alta velocità su quel tratto di strada? In via Cilea, all’Infernetto, teatro del drammatico investimento mortale di Mattia di 15 anni, la Polizia locale saltuariamente posiziona l’autovelox mobile. Potrebbe bastare come soluzione anche per via Pernier?

Potrebbero interessarti