Allarme usura sul litorale romano: tra marzo e agosto raddoppiati i proventi sequestrati dalla GDF

Tirrito: “La politica si faccia carico delle proprie responsabilità”
anti-usura
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

La Guardia di Finanza lancia l’allarme usura sul litorale romano. L’emergenza è stata segnalata dal comandante generale, Giuseppe Zafarana, che ha fatto sapere pubblicamente come sia letteralmente raddoppiato il valore dei proventi usurari sequestrati tra marzo e agosto 2020.

Guardia di Finanza: “Aumenta l’emergenza usura sul litorale romano”

Da Ardea a Pomezia, fino a Torvaianica, Ostia e Fiumicino. L’emergenza riguarda tutto il litorale romano e, come sottolineano le Fiamme Gialle, il fenomeno è in continuo aumento.

Il raddoppio del valore dei proventi sequestrati è da ricondurre probabilmente anche all’emergenza Coronavirus, complice, specie nei mesi di lockdown, di aver ridotto sul lastrico diversi imprenditori. Come è noto questi sono i casi, in cui gli usurai trovano terreno fertile per svolgere le proprie attività.

Sulla questione è intervenuta Maricetta Tirrito, portavoce del Cogi, Comitato collaboratori di Giustizia, che ha dichiarato:

“E’ una medaglia a due facce perché se da un lato testimonia come il lavoro delle forze dell’ordine sia costante, efficace e penetrante, dall’altra testimonia come l’usura sia nuovamente tornata ad essere un asset importante per la criminalità organizzata.

Il periodo della pandemia, con il lockdown che ha bloccato le imprese, e le promesse mancate del governo in carica (basti ricordare che ci sono lavoratori che ancora oggi non hanno visto un solo euro della cassa integrazione di marzo) hanno creato condizioni di povertà nuove e mai viste. E mentre lo Stato si muoveva per annunci c’è chi, soprattutto lungo la fascia del litorale romano, ne ha approfittato per avvicinare imprenditori in difficoltà offrendogli quella presunta soluzione alternativa che altro non è che un cappio al collo: il prestito ad usura.

Nei momenti di difficoltà  – prosegue Tirrito – non si è lucidi, e le vittime oneste di questo meccanismo criminale spesso non si rendono bene conto del guaio nel quale si stanno cacciando, avendo lo spettro del fallimento davanti agli occhi.

Ecco perché l’allarme del comandante delle Fiamme Gialle va preso molto sul serio. Le forze di polizia possono intervenire sui reati, ma non sulle cause che forniscono il terreno sul quale commetterli. Quello è un compito che spetta alla politica. Oggi più che mai – conclude Tirrito – c’è bisogno di recuperare il senso dello Stato, ma per farlo non servono le solite promesse bensì atti concreti”.

Leggi anche Roma, maxi operazione antidroga della Polizia: 17 persone arrestate e sequestrati 1,3 kg di stupefacenti

Roma, maxi operazione antidroga della Polizia: 17 persone arrestate e sequestrati 1,3 kg di stupefacenti