Addio a Lalla Palla, la fatina allegra per generazioni di bambini (VIDEO)

Simpatica come un cartoon, allegra come un gioco, fantasiosa come una fatina, ci lascia Laura Moreschi, in arte Lalla Palla
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il mondo dell’animazione per bambini dice addio a Laura Moreschi per tutti “Lalla Palla”. La fatina allegra che da più di vent’anni animava con gioia e grande fantasia le feste dei bambini di tutta Roma ma soprattutto del X Municipio, è venuta a mancare all’affetto dei suoi cari parenti ed amici, martedì sera nella sua abitazione a Casalpalocco a causa di un malore improvviso.

A darne la triste notizia il suo compagno Salvatore, anche nei vari e tanti gruppi social dove Laura (Lalla), era presente, tanti quante il suo cuore poteva sostenere. Sì, perché Laura Moreschi, 52 anni, era anche e soprattutto una persona buonissima e disponibile ad aiutare il prossimo.

Laura era molto conosciuta per la straordinaria professionalità con la quale conduceva il suo lavoro di animatrice, nelle vesti di fondatrice dell’agenzia di animazione di feste per bambini “Lalla Palla Animazione” nata nel 1995 a Casal Palocco, grazie ad un vero e proprio “talento del sorriso”, come la descrive la sua amica delle scuole medie Patrizia, con l’imperativo che era e rimane “divertirsi”, applicato anche nei corsi di inglese impartiti ai bambini.

Addio a Lalla Palla, la fatina allegra per generazioni di bambini (VIDEO) 1
Laura Moreschi, in arte Lalla Palla

Era altrettanto nota per le tante attività di volontariato svolte, pur nel pochissimo tempo di cui poteva disporre un’animatrice super richiesta come lei, tra queste  la straordinaria opera di volontariato dell’Associazione no profit I Ragazzi della Lucea sostegno del reparto di onco-ematologia dell’ospedale Bambino Gesù di Roma e l’Associazione Salvamamme, per il sostegno delle mamme e delle famiglie in condizioni di grave difficoltà psicologica e socio-economica.

Anche di recente, pur nelle difficoltà di relazione obbligate dal distanziamento, non ha dimenticato la sua preziosa attitudine, partecipando alla ricerca di Piero Giorgi, dando forza e mostrando grande vicinanza alla famiglia Giorgi (leggi qui).

Ha rallegrato e festeggiato, generazioni di bambini del nostro territorio oggi adulti che la ricordano con affetto. Ma a salutarla oggi nella chiesa di San Timoteo a Casal Palocco per un’ultima festa con tanto di palloncini colorati, come le avrebbe voluto, c’erano soprattutto tante famiglie che si sono nel tempo affidate a lei senza il minimo indugio per le feste dei loro bambini, oltre ai collaboratori e i professionisti del mondo dell’animazione e della ristorazione che, incontrati nel lavoro, sono poi diventati inevitabilmente suoi amici, trascinati dal suo splendido carattere positivo.

Laura lascia i genitori, suo fratello e il suo compagno che l’hanno salutata stamattina, insieme a tanti amici raccolti in modo ordinato e rispettoso, ma non nel silenzio e nelle lacrime trattenute a fatica, bensì con la musica e i colori, la sua gioiosa bandiera.

redazione@canaledieci.it