Vaccino: per i docenti del Lazio prenotazioni al via

Esclusi tutti i professori e i lavoratori dai 56 anni in su: il 40 per cento del totale

vaccino

Anche per i docenti e il personale Ata è arrivato il turno per effettuare il vaccino anti-covid: da giovedì 18 febbraio infatti i lavoratori di tutte le scuole e di tutte le università del Lazio possono prenotare la prima dose di AstraZeneca, accedendo al portale vaccinazioni in funzione sul sito della Regione (clicca qui per accedere).

Scuola, al via le prenotazioni per il vaccino per insegnanti e personale Ata. Escluso il 40 per cento dei professori

vaccino

Ma secondo l’Agenzia Italiana per il Farmaco (AIFA) il vaccino prodotto dal colosso britannico è consigliabile solo fino a 55 anni: dunque restano esclusi dall’immunizzazione tutti i professori e gli addetti di età compresa tra i 56 e i 67 anni. Una fetta rilevante, considerando che si tratta del 39 per cento del totale del personale docente e non, stando ai dati del ministero dell’Istruzione.

La Regione ha specificato che la possibilità di prenotare la vaccinazione riguarda tutto il personale senza patologie tra i 18 e i 55 anni, docente o non docente, di tutte le scuole di ogni ordine e grado, compresi gli atenei pubblici e privati.

IL CALENDARIO

Bisognerà prenotare telematicamente dal portale apposito allestito sul sito Salute Lazio (clicca qui), seguendo un calendario che varia a seconda della fascia di età: da giovedì 18 a domenica 21 chi ha tra i 45 e i 55 anni; da lunedì 22 a giovedì 25 chi ha tra i 35 e i 44 anni, e da venerdì 26 chi ha meno di 34 anni.

Le dosi di vaccino AstraZeneca verranno iniettate a partire da lunedì 22, nei centri vaccinali allestiti dalle Asl. Dal 1° marzo sarà possibile ricevere la vaccinazione anche dal medico di famiglia.

canaledieci.it è su Google News:
per essere sempre aggiornato sulle nostre notizie clicca su questo link digita la stellina in alto a destra per seguire la fonte.

Leggi anche: Allarme varianti, Galli: “Ho il reparto invaso, presto problemi seri”

Allarme varianti, Galli: “Ho il reparto invaso, presto problemi seri”