Risparmiatori truffati dalle banche, Di Maio: “Finalmente partono i bonifici di risarcimento”

Di Maio: “Ci sono voluti due governi e due leggi di bilancio, ma finalmente stanno partendo i bonifici per i truffati delle banche”
truffati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Finalmente stanno partendo i bonifici per i truffati, le banche stanno risarcendo coloro che hanno pagato con i loro risparmi lo scotto più alto della crisi del 2008. C’è voluto un pò di tempo, ma ottenere risultati richiede tempo, impegno e costanza”.

E’ quanto ha annunciato il ministro degli Esteri Luigi Di Maio in una diretta su Facebook.

Il meccanismo di risarcimento per i risparmiatori truffati dalle banche

Per risarcire i correntisti truffati dalle banche tra il 2015 e il 2017, sono stati stanziati oltre 1,5 miliardi di euro, pari a 525 milioni di euro per ogni anno del triennio 2019-2021.

Il fondo eroga un indennizzo ai risparmiatori che hanno subito un pregiudizio da parte di banche o loro controllate poste in liquidazione coatta amministrativa, nel periodo che va tra il 17 novembre 2015 e il 31 dicembre 2017.

Nello specifico si tratta di Banca Etruria, Banca delle Marche, Carichieti, Cariferrara, le banche venete, Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca e le loro controllate. Oltre a queste, nel periodo considerato, sono andate in liquidazione altre banche come Banca Padovana, BCC di Pelaco, Banca Popolare delle Province Calabre, BCC Banca Brutia e Credito cooperativo Interprovinciale Veneto.

Accederanno al FIR le persone fisiche, i piccoli imprenditori e le microimprese in possesso di azioni o di obbligazioni subordinate delle banche alla data del provvedimento di liquidazione o, in alternativa, i loro eredi legittimi.

Per chi è in possesso di azioni l’indennizzo sarà pari al massimo al 30% del costo di acquisto con un limite massimo di 100.000 euro per risparmiatore.

Per gli obbligazionisti subordinati la percentuale sale al 95% del costo di acquisto entro il limite massimo di 100.000 euro per ciascun risparmiatore.

Di Maio: “È un altro dei nostri risultati”

“Ci abbiamo messo un pò di tempo – ha commentato il ministro Di Maio – ci sono voluti due governi e due leggi di bilancio, ma finalmente stanno partendo i bonifici per i truffati delle banche. Tante famiglie e cittadini che hanno lavorato una vita intera e si sono visti dissolvere tutti i loro risparmi”. – conclude.

“Cominciano così a vedersi i frutti dell’impegno che, a partire dal 2018, su stimolo decisivo del Movimento 5 Stelle ha portato il Governo a stanziare in un triennio 1,5 miliardi di euro per indennizzare azionisti e obbligazionisti che erano rimasti scottati negli anni delle scellerate gestioni bancarie”.  – aggiunge in una nota il grillino Daniele Pesco, presidente della Commissione bilancio del Senato e componente della Commissione d’inchiesta sulle banche.

“Tutto questo è stato possibile usando quei conti correnti dormienti che, grazie a interpellanze e interrogazioni presentate nella scorsa legislatura, ho contribuito a reperire. Si tratta di conti non più reclamati dai proprietari, a disposizione dello Stato e affidati in gestione alla Consap. Per noi – conclude – è motivo di grande soddisfazione constatare che, dopo alcune resistenze, adesso il meccanismo è stato definitivamente messo in moto“.

Leggi anche M5S Lazio: “I Comuni facciano lavorare chi riceve il reddito di cittadinanza”

M5S Lazio: “I Comuni facciano lavorare chi riceve il reddito di cittadinanza”

Potrebbero interessarti