Stati Generali, Conte incontra Confindustria: “Nessun pregiudizio verso le imprese, siamo concentrati sul rilancio”

Critico il presidente dell’associazione degli industriali Bonomi. Gualtieri: “Intendiamo affrontare e superare i problemi strutturali dell’Italia e favorire la crescita economica”
stati
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Al termine della quarta giornata degli Stati Generali dell’Economia il presidente del Consiglio Giuseppe Conte tira le somme dell’incontro con Confindustria: “Da parte di questo governo c’è una costante attenzione per il sostegno alle imprese. Il Piano di Rilancio è stato molto apprezzato, per noi l’impresa è un pilastro della nostra società”, annuncia il premier da Villa Pamphilj.

Stati Generali, l’incontro con Confindustria

Nella cornice di Villa Pamphilj si è appena conclusa la quarta giornata di incontri del governo con istituzioni e parti sociali, che oggi ha riguardato le categorie industriali rappresentate da Confindustria. Pochi minuti fa la conferenza stampa conclusiva del presidente del Consiglio Conte, alla presenza del ministro dell’Economia Roberto Gualtieri e del ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli.

“E’ stato un confronto molto interessante, stiamo presentando loro il nostro Piano di Rilancio“, annuncia il premier. “Abbiamo fatto presente alle associazioni degli industriali la nostra apertura e abbiamo chiesto di farci pervenire osservazioni e idee“, spiega il presidente del Consiglio.

“Questo governo non ha alcun pregiudizio nei confronti della libera iniziativa economica. Voglio precisarlo molto chiaramente: le misure che abbiamo elaborato e inserito nei nostri provvedimenti sono dedicate al sostegno delle imprese”, sottolinea il premier al termine dell’incontro con Confindustria.

stati

Il ministro dell’Economia Gualtieri riassume poi l’esito dell’incontro: “La discussione di oggi con i rappresentanti di Confindustria sta evidenziando che c’è condivisione sull’impostazione che abbiamo scelto fin dall’inizio. E cioè che ora non si tratta solo di contenere gli effetti economici di questa pandemia”, sottolinea Gualtieri.

“Occorre infatti di cogliere l’opportunità storica di affrontare e superare problemi strutturali, storici, di questo Paese, che ne frenano la capacità di crescita e ne aumentano le diseguaglianze sociali e territoriali“, prosegue il ministro. “Dobbiamo mettere mano a questi nodi, e per questo serve un programma ambizioso che va preparato accuratamente”.

stati

“I punti che ci sono stati posti da Confindustria sono punti che rientrano nel nostro impianto: il rafforzamento della produttività, il miglioramento dell’efficienza della Pubblica Amministrazione, e naturalmente la garanzia di un equilibrio della finanza pubblica. Equilibrio che per noi deve essere perseguito rafforzando il potenziale di crescita del Paese”.

stati

“Intendiamo conciliare un percorso di rafforzamento economico fatto di politiche a sostegno di crescita e coesione con un percorso di riduzione del debito pubblico. Per questo è fondamentale un buon uso delle risorse europee, e le proposte che stiamo raccogliendo in questi incontri di queste giornate sono molto importanti”, conclude Gualtieri.

Critico il presidente di Confindustria Carlo Bonomi, che in mattinata ha sottolineato la gravità del ritardo da parte del governo nell’erogazione della Cassa integrazione. Il leader degli industriali ha insistito poi nel chiedere al governo di rispettare una sentenza della Cassazione restituendo “3,4 miliardi di accise energia, tasse pagate impropriamente dalle imprese”, ha detto Bonomi.

Leggi anche: Stati Generali, Conte: “Decreto per estendere la cassa integrazione. Noi non abbandoniamo i lavoratori”

 

Stati Generali, Conte: “Decreto per estendere la cassa integrazione. Noi non abbandoniamo i lavoratori”

Potrebbero interessarti