Coronavirus, Speranza avverte: “Una seconda ondata è possibile”. Fase 3, pronto il nuovo Dpcm

Le nuove misure per l’avvio ufficiale della Fase 3: stop alle discoteche, dal 25 via libera allo sport di squadra. Ma si monitora l’andamento dei focolai
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il ministro della Salute Roberto Speranza è intervenuto oggi alla Camera per riferire sull’andamento dell’epidemia. Ci sono “segnali positivi: si riducono i contagi”, sottolinea il titolare della Salute. Tuttavia non bisogna abbassare la guardia: “una seconda ondata non è certa ma è possibile”, avverte. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte firmerà nei prossimi giorni il nuovo Dpcm che apre ufficialmente la Fase 3: dal 25 giugno si prepara il via libera agli sport di squadra, incluso il calcetto, ma per discoteche, concerti e congressi si va verso uno stop fino al 14 luglio.

Il ministro Speranza alla Camera: “Il virus circola, ma prevalgono i casi asintomatici”

“Siamo sulla strada giusta, ma il nemico non è vinto”, dichiara il ministro della Salute Speranza in Parlamento. “Aumentano i guariti, si riduce la curva del contagio. Diminuiscono i deceduti e l’indice Rt è in tutta Italia sotto la soglia di 1. Sono dati oggettivamente incoraggianti, che però continuano a rappresentare solo una parte della realtà”, avverte il ministro.

“Il virus, anche se in forma ridotta e con una prevalenza di casi asintomatici, continua a circolare”, spiega Speranza. “Una seconda ondata o una recrudescenza non è certa, ma è possibile e quindi bisogna essere pronti. L’intervista di stamattina sul quotidiano «La Stampa» di Anthony Fauci (il virologo della Casa Bianca, ndr) è a tal proposito molto chiara”, sottolinea il ministro della Salute.

“Dentro diverse legittime valutazioni e ricerche scientifiche, credo che non dobbiamo alimentare una surreale divisione tra pessimisti e ottimisti“, aggiunge Speranza. “L’epidemia non si è conclusa, ci sono ancora focolai di trasmissione attivi”, conclude il ministro in Aula alla Camera.

speranza

Le anticipazioni del nuovo Dpcm: via libera dal 25 giugno al calcetto, stop alle discoteche

Il premier Conte firmerà a breve il nuovo Decreto per le ultime riaperture della Fase 3. Da lunedì 15 riaprono i cinema e i teatri, e dal 25 giugno tornano anche “gli sport di contatto” come il calcetto, si legge nel testo della bozza del Dpcm. A patto sempre che sia “accertata la compatibilità con l’andamento della situazione epidemiologica nei rispettivi territori, in conformità con le linee guida”.

Dal governo prudenza massima invece per discoteche e piste da ballo: “Restano sospese sino al 14 luglio 2020 le attività che abbiano luogo in sale da ballo e discoteche e locali assimilati, all’aperto o al chiuso, le fiere e i congressi”, è scritto nella bozza del Decreto. Gli appassionati della danza dovranno pazientare ancora un mese.

Guarda il video dell’intervento di oggi alla Camera del ministro della Salute Speranza:

Ti potrebbe interessare anche: Minacce di morte a Di Maio, solidarietà dei partiti. Caso Regeni, Conte: “Riferirò in Parlamento”

Minacce di morte a Di Maio, solidarietà dei partiti. Caso Regeni, Conte: “Riferirò in Parlamento”

Potrebbero interessarti