Plastica nel mare, Zingaretti inaugura una barriera anti-rifiuti sul fiume Aniene

Il presidente della Regione Lazio ha dato il via al progetto: una grande barriera sul corso dell’Aniene per intercettare i rifiuti plastici prima che arrivino al mare
plastica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Mari invasi dalla plastica, spiagge ricoperte di bottiglie e rifiuti di tutti i tipi, pesci e uccelli marini che muoiono con lo stomaco pieno di polimeri: l’inquinamento presente sulle nostre coste ha superato ogni livello di guardia. Ma il grosso dei rifiuti arriva nel Mediterraneo portato dai fiumi: per questo il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ha inaugurato una barriera anti-rifiuti sul fiume Aniene, nella riserva naturale alla periferia est di Roma. Obiettivo del progetto: intercettare il materiale plastico, prima che arrivi in mare.

Zingaretti inaugura una barriera anti-plastica sul fiume Aniene

Questa mattina è stata inaugurata dalla Regione Lazio la nuova rete cattura-plastica sul fiume Aniene. La barriera è stata collocata a Roma, nel Parco della riserca dell’Aniene, all’altezza di Piazza Gola. Il progetto servirà a fermare le plastiche galleggianti lungo il corso del fiume e impedire che arrivino in mare.

plastica

Il governatore del Lazio ha inaugurato personalmente la barriera anti-rifiuti. “Sappiamo che l’80 per cento della plastica in mare arriva dai corsi d’acqua“, ha dichiarato Zingaretti. “Per questo da oggi inizia questa barriera per fermare i rifiuti, plastica e non solo, sull’Aniene. Finalmente si reagisce”, ha sottolineato il segretario del Partito Democratico.

“Solo sul Tevere già sono stati bloccati oltre 2.300 kg di materiali, e in pochi giorni anche qui sull’Aniene si sta recuperando tanto materiale che andrà al recupero e al riciclo. Io mi auguro che tanti seguano questo esempio, perché è l’unico modo di evitare che il mare diventi la più grande discarica del pianeta”, ha aggiunto il presidente della Regione Lazio.

plastica

Una barriera per fermare i rifiuti galleggianti diretti verso il mare di Ostia

“E’ stata posizionata questa mattina la seconda rete acchiappa plastica, questa volta sul fiume Aniene. Un altro tassello importante per la riqualificazione del nostro mare e dei nostri parchi”, commenta Roberto Scacchi, Presidente di Legambiente Lazio.

“Il progetto contribuirà in maniera concreta a fermare il flusso di rifiuti galleggianti presenti nel fiume, prima che questi arrivino in mare riempiendo i litorali e contribuendo all’inquinamento del Mediterraneo”, afferma Scacchi, presente all’inaugurazione di questa mattina.

plastica

I rifiuti che finiscono nel mare di Ostia – spiega il rappresentante di Legambiente – provengono infatti quasi sempre dall’entroterra, e rischiano di rilasciare sostanze, come le mircoplastiche, in grado di inserirsi nella catena alimentare attraverso i pesci, tornando drammaticamente al mittente”.

Bene Nicola Zingaretti sull’installazione della nuova barriera anti-rifiuti galleggianti nel fiume Aniene. Da parte della Regione Lazio è un segnale importante. Dopo la sperimentazione avviata sul fiume Tevere, questo ulteriore passaggio si inserisce all’interno di una visione condivisa di un territorio sempre più pulito e meno inquinato”, ha dichiarato in una nota la Sindaca di Roma, Virginia Raggi.

Ti potrebbe interessare anche: Gestione delle spiagge: le associazioni ambientaliste del Lazio propongono un decalogo di comportamenti virtuosi

Gestione delle spiagge: le associazioni ambientaliste del Lazio propongono un decalogo di comportamenti virtuosi

Siria Guerrieri

Giornalista professionista, iscritta all’albo dei giornalisti del Lazio. Appassionata di cronaca, politica, ambiente e diritti animali, ho iniziato l’attività di reporter collaborando con molte redazioni: da Rai Parlamento a Repubblica, passando per l’agenzia di stampa Public Policy e Il Paese Sera. Fino ad approdare a Canale Dieci, dove mi occupo di cronaca, politica e ambiente. Vincitrice del premio Giovani Cronisti di Stampa Romana, ho la passione per le inchieste e il giornalismo. Amo la ricerca delle notizie sul campo, scavando fino a trovare la verità, al di là della facciata: credo in un giornalismo di servizio come strumento di democrazia per i lettori. Sono Dottore di Ricerca in Storia Contemporanea.