Stadio della Roma, finanziamenti illeciti: chiesto il rinvio a giudizio per Parnasi, De Vito e Centemero

La Procura ha chiesto il processo per l’imprenditore Parnasi, l’ex tesoriere della Lega Centemero e il presidente dell’Assemblea capitolina De Vito
stadio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Dietro alla costruzione del nuovo Stadio della Roma si sarebbe sviluppato un sistema di tangenti e finanziamenti illeciti, messo in piedi dall’imprenditore Luca Parnasi: è questo l’impianto di accuse mosso dalla Procura di Roma, che ha chiesto il rinvio a giudizio per l’uomo d’affari, per il presidente dell’Assemblea capitolina Marcello De Vito, per l’ex tesoriere della Lega Giulio Centemero e per Francesco Bonifazi, iscritto a Italia Viva, insieme ad altri quattro indagati.

Stadio della Roma, la Procura contesta il sistema di finanziamenti illeciti

La Procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per otto persone nell’ambito del terzo filone di indagine legato alla costruzione del nuovo Stadio della Roma, a Tor di Valle. In particolare l’imprenditore Parnasi, e i politici De Vito, Centemero e Bonifazi sono accusati di finanziamento illecito.

stadio

Al centro dell’inchiesta, coordinata dal procuratore aggiunto Paolo Ielo, ci sono i finanziamenti che sarebbero stati elargiti al mondo della politica proprio da parte dell’imprenditore Parnasi, per la costruzione dello Stadio della Roma.

Secondo i pubblici ministeri un flusso di denaro diretto a diversi esponenti politici, in forma di un sistema di tangenti, sarebbe partito dalla società Pentapigna, riconducibile proprio a Parnasi.

In particolare la Procura ha messo nel mirino i 150 mila euro destinati alla fondazione Eyu, vicina a Bonifazi, e i 250 mila euro all’associazione Più Voci, presieduta all’epoca dei fatti da Centemero, l’ex tesoriere della Lega.

I pubblici ministeri sono convinti che l’associazione Più Voci sia “riconducibile alla Lega Nord quale sua diretta emanazione e comunque costituente una sua articolazione”, si legge nel capo di imputazione formulato per la richiesta di rinvio a giudizio.

Ti potrebbe interessare anche: Roma, blitz dei Vigili nel campo nomadi di Castel Romano: in arrivo lo sgombero

Roma, blitz dei Vigili nel campo nomadi di Castel Romano: in arrivo lo sgombero

Potrebbero interessarti