Riconosce su Instagram la borsa griffata sparita da casa. Recuperata dalla Polizia

Una donna riconosce la borsa su una storia di Instagram postata da una ragazza romena di 20 anni, figlia della ex domestica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Questa è la storia di una borsa griffata e di pregio sparita da casa e tornata in possesso alla sua proprietaria grazie a un’altra storia, quella postata su Instagram dalla figlia della sua ex domestica. Ma è anche una storia che insegna l’utilità di fotografare i beni più preziosi che possediamo per allegare quelle immagini alla denuncia in caso di furto. Ma è anche la storia di quanto sia utile scandagliare i social alla ricerca della refurtiva.

Solitamente gli oggetti rubati finiscono nei mercati virtuali allestiti su piattaforme di compravendita tra privati oppure su marketplace di Facebook. E’ già accaduto. Non è mai successo, invece, che lo strumento per riconoscere la refurtiva e ritornarne in possesso attraverso il lavoro certosino delle forze dell’ordine, sia stato Instagram.

Proprio sul suo profilo social di immagini una ragazza di 20 anni d’origina romena aveva postato delle foto, una con indosso un bracciale in oro giallo con diamanti sintetici, una dove si intravedeva un lenzuolo in tessuto percalle fucsia ed infine una nella quale faceva capolino una borsa di un noto brand del valore circa di 2.500 euro.

La giovanissima si era mostrata incurante del fatto che questi stessi oggetti finiti su Instagram fossero provento di un furto commesso nel 2018 all’interno di un’abitazione dalla quale la vittima stava traslocando per andare negli Usa.

È stata proprio la 54enne, la proprietaria degli oggetti, a ricollegare le foto postate dalla ragazza, alla madre della ventenne, anche lei romena 47enne che in quel periodo faceva le pulizie all’interno dell’appartamento e a cercare, quindi, di riappropriarsi delle sue cose attraverso contatti telefonici.

Al rifiuto della 47enne, la donna si è allora rivolta agli agenti del commissariato Flaminio, diretto da Massimo Fiore che hanno iniziato a far accertamenti sulle due donne e sulla loro residenza. Ottenuto un decreto di perquisizione dalla Procura della Repubblica i poliziotti sono così entrati nell’abitazione dove hanno trovato la borsa, riconoscibile da un manico incollato e il lenzuolo.

Le due donne al termine degli accertamenti sono state denunciate per ricettazione. La borsa e il lenzuolo sono stati restituiti alla proprietaria. 

La vicenda insegna due cose entrambe importanti. La prima è che è bene fotografare gli oggetti preziosi di casa in modo da poter allegare quelle immagini alla denuncia in caso di furto agevolandone il recupero in caso di riconoscimento. La seconda utilità, da attuare dopo la visita dei ladri, è quella di iniziare a scandagliare social e piattaforme di vendita online di oggetti. Potrebbero venire piacevoli sorprese.

Potrebbero interessarti