Guardia giurata faceva la “cresta” sulla benzina destinata all’auto di servizio

I carabinieri denunciano per appropriazione indebita una guardia giurata pizzicata mentre riempiva taniche di benzina al distributore
gelosia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Hanno trovato singolare che quella guardia giurata, in divisa e con l’auto di servizio, stesse armeggiando alla pompa di benzina con delle taniche. Così i carabinieri della stazione Roma Eur in servizio l’altra notte, si sono avvicinati e hanno chiesto chiarimenti.

E’ stato pizzicato in questo modo un vigilante di 38 anni, romano, denunciato per appropriazione indebita. L’uomo, una guardia «particolare» giurata, è stato sorpreso dai carabinieri in via delle Tre Fontane, nei pressi di un distributore di carburanti, mentre stava riempendo due taniche di benzina e le caricava a bordo dell’auto di servizio.

I militari si sono avvicinati accertando che il 38enne, con l’utilizzo della tessera carburanti intestata all’istituto di vigilanza del quale era dipendente, anzichè rifornire l’autovettura affidatagli per il servizio di vigilanza, riempiva le taniche, di 10 litri, risultate essere di sua proprietà. Insomma, come si dice a Roma, faceva la “cresta” sulla dotazione messagli a disposizione dalla ditta per il lavoro.

Non bastasse il tentativo di appropriazione indebita, nel corso della perquisizione i carabinieri hanno scoperto che la guardia giurata aveva con sè anche 90 grammi di hashish. Per questo motivo è scattata nei suoi confronti anche la segnalazione amministrativa alla Prefettura di Roma come assuntore. Sospeso dal servizio, in mancanza del prescritto periodo di frequenza del Servizio lotta alle tossicodipendenze della Asl di appartenenza, rischia anche il posto di lavoro da guardia giurata.

redazione@canaledieci.it