Anche il figlio di Gigi D’Alessio vittima della camorra a Roma

Secondo l’inchiesta della DDA anche Claudio D’Alessio è tra le vittime di prestiti usurai ricevuti dal Clan Moccia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Nell’ordinanza di custodia cautelare che ha portato agli arresti tredici persone del clan Moccia figura un episodio nel quale il figlio del cantante napoletano Gigi D’Alessio, Claudio, avrebbe ricevuto prestiti usurai.

Lo segnalano le agenzie Ansa e Adn Kronos sottolineando che il clan Moccia garantiva prestiti a Claudio D’Alessio, figlio del cantante Gigi. È quanto emergerebbe dalle carte dell’inchiesta della Dda di Roma sullo storico clan camorristico.

In questo specifico episodio, i pm contestano l’esercizio abusivo del credito da parte dei componenti del clan. I Moccia trattavano con almeno tre persone, fra le quali anche D’Alessio jr, che «necessitavano dei prestiti, pretendendo interessi variabili senza autorizzazione».

Nell’ordinanza viene citata anche una intercettazione in cui Claudio D’Alessio parla con una altra persona a cui il clan aveva prestato denaro ed entrambi si lamentano delle pressioni dei Moccia. «Se tu non blocchi un attimo la situazione e dai il tempo di respirare e di organizzarsi, qui non si andrà mai da nessuna parte, e quindi dico… cioè, non è che uno va a rubare la mattina che all’improvviso io ti posso chiudere…» affermerebbe D’Alessio nella trascrizione. «Serve un attimo di respiro fammi lavorare, fammi fare e poi si stabilisce un piano di rientro».

Al momento non sono state diffuse dichiarazione dalla famiglia D’Alessio. Ovviamente i contenuti dell’ordinanza di custodia cautelare dovranno essere provati nel corso del successivo procedimento penale. Solo allora si formeranno le prove e fino alla condanna definitiva tutti gli indagati devono essere considerati innocenti.

Camorra a Roma: tredici arresti e sequestro di beni per 4 milioni di euro

Potrebbero interessarti