Eur Torrino, rapinatore violento tradito dai social

I carabinieri riescono ad acciuffare un rapinatore che colpiva alla testa le sue vittime. Determinati le indicazioni social
famiglia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Rapinatore violento tradito dai social è stato arrestato dai carabinieri che gli attribuiscono almeno due colpi con le vittime finite al pronto soccorso.

Il malvivente è un 26enne romano, incensurato, accusato di aver compiuto due rapine aggravate ai danni di due anziani, avvenute nel corso dell’estate nel quartiere del Torrino, a distanza di poco più di un mese una dall’altra. Al termine di un’attività di indagine dei Carabinieri della Stazione di Roma Torrino Nord, diretta dal Gruppo reati gravi contro il patrimonio, coordinato dal procuratore aggiunto Lucia Lotti, il gip di Roma ha emesso un’ordinanza che dispone l’arresto ai domiciliari per il ragazzo.

Secondo la ricostruzione degli investigatori, lo scorso 4 agosto mentre transitava in via Deserto del Gobi, una donna di 75 anni è stata colpita con una bottiglia di vetro, una prima volta alle spalle e con altri due colpi alla testa, tali da mandare in frantumi la bottiglia stessa.

Approfittando dello stordimento della vittima, l’aggressore le ha rubato la borsa con dentro un cellulare e 100 euro.

Il 7 settembre, sempre nella stessa zona, il rapinatore arrestato ha aggredito e tentato di rapinare un uomo di 69 anni: avvicinatosi alle spalle, lo ha colpito in testa con un piatto di porcellana tirato fuori dallo zaino, che per la violenza dell’urto è andato in frantumi. Il rapinatore ha poi frugato nelle tasche dei pantaloni della vittima senza però trovare nulla.

A portare all’identificazione del rapinatore è stata la preziosa collaborazione dei residenti che attraverso i social hanno orientato i Carabinieri della Stazione di Torrino Nord fino alla sua cattura.

Potrebbero interessarti