Emergenza covid-19, la Regione Lazio: “Servono subito tremila posti letto in più”

Drammatica circolare della Regione Lazio ai direttori sanitari di nove ospedali di Roma: entro il 20 novembre vanno trovati quasi tremila posti letto
covid
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Sistema dei ricoveri in tilt per l’ondata epidemica: la Regione Lazio cerca circa tremila posti letto da aggiungere all’attuale offerta. Servono per fronteggiare la prevedibile super-richiesta di assistenza dei casi covid-19. E entro sabato 31 ottobre tutti i pazienti covid-19 temporaneamente ospitati nei pronto soccorso, devono trovare sistemazione in reparto.

E’ una circolare di oggi, giovedì 29 ottobre, diffusa dalla Direzione regionale Salute e Integrazione Sociosanitaria Area Rete ospedaliera e specialistica, firmata dal dirigente Giuseppe Spiga e dal direttore Renato Botti, a imporre la procedura.  L’oggetto è “attivazione posti letto per l’assistenza dei casi confermati di Covid-19 presenti nei “pronto soccorso”.

Ad essere raggiunti sono i dirigenti generali delle aziende responsabili degli ospedali Santo Spirito, Sandro Pertini, Sant’Eugenio, G.B. Grassi, ospedale dei Castelli, Sant’Andrea, Pol. Casilino, Pol. Campus Biomedico, Fatebenefratelli-Isola Tiberina.

Ricordata l’ordinanza sottoscritta da Ministero della Salute e Presidenza della Regione Lazio, per la quale entro il 7 novembre si dedicheranno all’assistenza di malati Covid-19 “1421 posti letto aggiuntivi  rispetto a quelli già previsti” (di questi 231 di terapia intensiva e subintensiva), viene richiesto agli ospedali di fare uno sforzo ulteriore. Infatti, “l’Unità di Crisi ha previsto di ampliare progressivamente la rete ospedaliera Covid-19 dedicando ulteriori 1550 posti letto, di cui 75 di terapia intensiva e subintensiva”. Questo secondo ampliamento, che porta a un totale di 2971 nuovi posti covid-19 (di cui 306 di terapia intensiva e subintensiva) dovrà avvenire entro il 20 novembre.

Stante questo piano, viene sottolineato nella circolare, si obbligano i dirigenti “a destinare, entro le prossime 48 ore, un numero di posti letto necessari al riassorbimento dei casi confermati di covid-19 in attesa di ricovero, consentendo alle strutture di Pronto Soccorso di svolgere in sicurezza le loro attività e all’Ares 118 di rispondere nei tempi previsti alle richieste di soccorso”.

Dunque, la Regione Lazio, da un lato ha l’urgenza di attivare quasi tremila posti letto covid-19 e, contemporaneamente, di ricoverare i pazienti con coronavirus accolti “temporaneamente” nei pronto soccorso e addirittura nelle ambulanze (leggi qui) per riportare alle loro originarie funzioni le strutture dell’emergenza.

Una prospettiva impegnativa che fa emergere con chiarezza quanto sia grave l’emergenza sanitarie e come siano fosche le previsioni.

Covid-19, ambulanze bloccate: è caccia ai posti-letto

 

Potrebbero interessarti