Coronavirus, focolaio a Genzano: i militari a presidio della zona rossa

Al San Giovanni di Dio 47 pazienti positivi: le forze dell’ordine presidiano gli ingressi della struttura sanitaria. Il cordone sanitario disposto dalla Asl Roma 6 in accordo con la Regione Lazio
FOCOLAIO
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Focolaio di coronavirus in una clinica psichiatrica a Genzano, cittadina dei Castelli romani. Sono saliti a 47 i pazienti positivi al covid-19 tra gli ospiti ricoverati al San Giovanni di Dio-Fatebenefratelli, struttura sanitaria che si occupa di persone con disagio mentale. La Asl Roma 6 – in accordo con la Prefettura, la Regione Lazio e l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato – ha disposto il divieto di entrata e uscita dall’edificio: istituita una zona rossa intorno al perimetro dell’ospedale.

Focolaio a Genzano, istituita una zona rossa intorno all’ospedale San Giovanni di Dio

A presidiare gli ingressi della clinica convenzionata, che si trova in via Fatebenefratelli 3, a Genzano, sono arrivati questa mattina i soldati dell’esercito. Quattro dei 47 pazienti positivi hanno febbre alta e sintomi: sono stati trasferiti in un reparto covid di una struttura sanitaria del posto, dedicata ai casi accertati di coronavirus.

focolaio

Gli altri ospiti contagiati dal virus al momento sono asintomatici. A preoccupare però è stato l’aumento improvviso del numero degli infetti all’interno dei reparti: in 24 ore i contagiati sono raddoppiati.

“Al San Giovanni di Dio a Genzano sono venti i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore, all’interno della struttura che ospita pazienti adulti con disagio mentale: in corso l’indagine epidemiologica. In giornata prevista l’esecuzione di nuovi tamponi a tutti gli ospiti e gli operatori della struttura”, comunica l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato in una nota.

Quello della clinica psichiatrica è al momento l’unico focolaio attivo nel Lazio. In corso l’indagine per ricostruire l’origine del contagio: i pazienti della struttura, gestita dall’Istituto religioso San Pietro, ricevono normalmente le visite dei parenti. I ricoverati positivi al virus sono stati spostati in un reparto della clinica appositamente isolato.

L’ipotesi prevalente è dunque che il virus sia venuto da fuori: l’indagine epidemiologica servirà a ricostruire la catena di contagio anche all’esterno, tra i familiari dei ricoverati.

Leggi anche: Coronavirus, nel Lazio contagi in lieve calo: oggi 125 nuovi casi, 61 sono a Roma

Coronavirus, nel Lazio contagi in lieve calo: oggi 125 nuovi casi, 61 sono a Roma

Potrebbero interessarti