Aumenta il consumo di droga tra i giovani: colpita anche la Capitale

880mila ragazzi in tutta Italia hanno dichiarato di aver fatto uso di sostanze illegali, pari ad 1 ragazzo su 3 tra quelli che vanno a scuola tra i 15 ed i 19 anni.  La psicologa: “Il fenomeno riguarda anche la capitale. Tra le cause: individualismo e social”
In aumento il consumo di droga
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

E’ in costante aumento il consumo di droga tra gli adolescenti. Il mercato degli stupefacenti si è aggiornato con costi delle droghe sempre più bassi e, dall’inizio dell’emergenza sanitaria, c’è una nuova forma di approvvigionamento: internet. Molte nuove sostanze illegali hanno affiancato le tradizionali, ma i servizi territoriali sono rimasti gli stessi con pochi fondi per la prevenzione.

L’allarme è emerso durante la Commissione Parlamentare per l’Infanzia e l’Adolescenza nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle dipendenze patologiche diffuse tra i giovani.

Secondo i dati ufficiali  emersi nell’ambito dell’indagine conoscitiva sulle dipendenze patologiche diffuse tra i giovani, si parla di 880mila ragazzi che hanno dichiarato di aver fatto uso di sostanze illegali, pari ad 1 ragazzo su 3 tra quelli che vanno a scuola tra i 15 ed i 19 anni.

L’aumento di consumo della droga tra i giovanissimi riguarda anche la Capitale

La psicologa Giorgia Belardini lavora in uno studio privato nel quartiere Prati e conferma questa tendenza anche nella Capitale: “Seguo in terapia una ventina di giovani dai 16 ai 25 anni. Alcuni di loro si rivolgono a me spontaneamente, altri sono indirizzati dai genitori o dalle scuole”.

Aumenta il consumo di droga tra i giovani: colpita anche la Capitale 1
“Droga in aumento anche tra i giovani della Capitale”. Ce ne parla la psicologa Giorgia Belardini

“In questi ultimi quattro anni ho notato un aumento del consumo di droga tra i giovani. Secondo le ultime ricerche la Cannabis è al primo posto, seguita dalla “spice” e dalle nuove sostanze psicoattive. Le ragazze sembrano più frastagliate, disgregate. I maschi, invece, fanno branco e si aggregano rifugiandosi nelle droghe leggere”.

La psicologa: “L’aumento del consumo di droga dipende molto dall’eccessiva dipendenza dei social”

“I ragazzi di oggi purtroppo sono frammentati – spiega Giorgia Belardini – hanno crisi di identità e sono martellati da troppi messaggi su internet, in particolare sui social come Instagram. Soffrono per un like in più e in meno. L’aumento del consumo di droga, come le nuove dipendenze comportamentali, dipendono molto dall’eccessiva dipendenza dei social, dalla solitudine e dall’incapacità di sentire la frustrazione”.

“Per prevenire questo fenomeno ci vorrebbe una maggiore rete di condivisioni. Quello che ho notato dalla mia esperienza è che si lascia il giovane solo nella terapia, pensando in maniera errata che quello delle dipendenze sia solo un suo problema. Invece dovrebbero partecipare anche genitori e insegnanti perchè il disagio nasce dal contesto in cui si vive. Inoltre la droga non è l’unica dipendenza”.

“Tanti ragazzi soffrono anche di dipendenza da internet, shopping compulsivo e di ludopatia. Alcuni di loro iniziano a 14 anni a giocare d’azzardo seguendo le orme di genitori e parenti stretti”.

Ti potrebbe interessare leggere anche: Violenti, esibizionisti e razzisti: 4 trapper in manette

redazione@canaledieci.it

Potrebbero interessarti