Commercio a Roma sull’orlo del baratro: rischiano di chiudere 2000 negozi

Protopapa Area PMI: “Si trovino soluzioni, altrimenti andranno a casa centinaia di persone”
Commercio a rischio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Commercio in crisi. A Roma molti negozi da settembre non riapriranno. In centro, soprattutto, ristoranti, hotel e bar vivono una situazione addir poco triste e il rischio, oramai serio, è quello di non riaprire dopo l’estate. “La realtà è quella che vedete quando andate a Roma, una città spettrale senza turisti e dipendenti pubblici che per bar, locali e ristoranti sono ossigeno – dice Protopapa dell’Area PMI – rispetto ad altre città, in cui vi sono le attività produttive, il centro della capitale si regge sul turismo e un notevole indotto arriva dagli impiegati pubblici e privati, oggi a casa con la smartworking”.

Commercio, Protopapa: “Gli esercenti sono arrabbiati”

“Bisogna trovare una soluzione al commercio. Gli esercenti del centro storico sono arrabbiati e ormai decisi sul proprio futuro. Un crollo di incassi che sta mettendo a repentaglio la vita di tanti commercianti , intenzionati ad abbassare le saracinesche. Poi con i saldi si sperava in una ripresa, ed invece peggio non si poteva – continua Protopapa – che la politica intervenga, ci sono più di 2000 negozi che rischiano di chiudere per sempre”.

Ti potrebbe interessare leggere anche: Protopapa Area PMI: Proroghiamo le scadenze, il lavoro da remoto ha portato sul lastrico molti commercianti romani

I più recenti
I più letti
Potrebbero interessarti