Roma: Violenza sulle donne: i centri antiviolenza funzionano

“Sempre più donne sono seguite dai centri antiviolenza capitolini. L’investimento sulle nuove strutture ha funzionato”. Lo ha dichiarato la Sindaca Virginia Raggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Aumentano le donne che iniziano un percorso nei centri antiviolenza di Roma. Secondo il report mensile delle attività delle sette strutture Capitoline ci  sono stati quasi 100 nuovi inserimenti a maggio.

Roma: I centri antiviolenza funzionano. 100 nuovi inserimenti nel mese di maggio.

Ci sono stati quasi 100 nuovi inserimenti a maggio con un incremento del 16% rispetto all’anno precedente. La fotografia emerge dal report mensile delle attività delle sette strutture capitoline. L’andamento risulta per la prima volta nel 2020, superiore a quello registrato a gennaio nel periodo antecedente l’inizio dell’emergenza sanitaria.

Roma: I centri antiviolenza funzionano. Raggi: «il nostro investimento sulle nuove sedi ha funzionato.»

“L’investimento sulle nuove sedi di accoglienza ha funzionato, nessuna è sola – ha dichiarato la Sindaca  – la violenza non deve rimanere sommersa, noi ci siamo e le nostre operatrici rispondono h24 per ogni richiesta di aiuto”.

Sull’argomento è intervenuta anche la delegata alle politiche di genere Lorenza Fruci che ha affermato: “l’aumento delle donne che si sono rivolte ai nostri centri antiviolenza dopo il lockdown è molto significativo e ci motiva a proseguire nel nostro lavoro di fornire una risposta a chi è in difficoltà”.

Infine, l’assessora alla comunità solidale Veronica Mammì ha annunciato: “Quest’anno completeremo ulteriori strutture residenziali. Abbiamo anche inaugurato un nuovo servizio di cohousing all’interno di appartamenti e altri punti di riferimento sono in cantiere per il 2021”.

 

Leggi anche:Violenza sulle donne, la Regione Lazio vara il Protocollo per l’assistenza legale gratuita alle vittime

Violenza sulle donne, la Regione Lazio vara il Protocollo per l’assistenza legale gratuita alle vittime

Giorgia Perla

Nata ad Amatrice il 19 agosto 1981 mi sono trasferita a Roma nel ‘97. Laureata dal 2007 in Editoria e Giornalismo presso la facoltà di Lettere e filosofia dell'Università LUMSA di Roma. Iscritta all'Albo dei giornalisti professionisti dal 2019. Lavoro a Canale Dieci da maggio 2004. Mi occupo per lo più di cronaca bianca, sociale e disabilità.