Castel Romano: è scontro tra Regione e Campidoglio per il campo nomadi

E’ ormai esploso il caso del campo nomadi di Castel Romano. Dopo l’ennesima ispezione, la Asl ha inviato una diffida al Campidoglio, invitandolo a prendere misure urgenti.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

Mentre la Asl diffida il Campidoglio, la Regione Lazio si dice pronta ad avvalersi dei poteri di surroga se la sindaca Raggi non procederà almeno a una bonifica del campo nomadi di Castel Romano.

Campo nomadi di Castel Romano: la ASL ha diffidato il Campidoglio

E’ ormai esploso il caso del campo nomadi di Castel Romano. Un problema pesante che vede uno scontro acceso tra Regione e Comune di Roma.

castel romano

Dopo l’ennesima ispezione, la Asl ha inviato una diffida al Campidoglio, invitandolo a prendere misure urgenti.

“Uno sgombero – suggerisce l’azienda sanitaria – oppure, ove questo non fosse possibile per il particolare momento storico, una bonifica ambientale”.

Tempo massimo: due luglio, vale a dire domani. Tempi strettissimi che derivano da condizioni igieniche non più sostenibili. A mettere ancora più pressione arriva la Pisana che, in un incontro con i comitati dei cittadini di Roma e Pomezia, annuncia che, se la Raggi non avvierà almeno una procedura di pulizia dell’area nelle prossime ore, agirà direttamente.

alessio d'amato

“Non vorremmo adottare i poteri sostitutivi che ci concede la legge, ma in caso di continua inerzia non potremo certo astenerci. Lì la situazione è gravissima da mesi”  – ha tuonato l’assessore Alessio D’Amato.

 

Leggi anche Nuovo Ponte della Scafa: il Campidoglio accelera e gli ambientalisti tornano a protestare

Nuovo Ponte della Scafa: il Campidoglio accelera e gli ambientalisti tornano a protestare