Regione, fase 2: emessa ordinanza per l’utilizzo dei mezzi pubblici

La Regione Lazio ha emesso l’ordinanza che disciplina l’utilizzo dei mezzi pubblici in vista della fase 2. Ecco tutte le disposizioni previste
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email
Loading the player...

La Regione Lazio ha emesso l’ordinanza che disciplina l’utilizzo dei mezzi pubblici in vista della fase 2. Tante le disposizioni previste: interruzione del servizio alle 23.30, niente aria condizionata, 40 passeggeri massimo per ogni autobus e 600 per ogni treno, possibilità, da parte del conducente, di saltare le fermate in caso di sovraffollamento, utilizzo di conta-persone, obbligo di mascherine, igienizzazione e sanificazione delle vetture, adesivi sui sedili da non occupare, installazione di dispenser con gel, distanziamento di un metro, percorsi diversi per ingresso e discesa dal mezzo.

Regione, nuove norme di sicurezza: Atac si tira indietro sui controlli

Tuttavia, nel documento mancano le sanzioni per i trasgressori e l’Atac si è già tirata indietro sulla responsabilità dei controlli.“E’ impossibile effettuare questo tipo di prestazione a causa della rilevante quantità di personale aggiuntivo, stimabile in cinquemila persone, che si renderebbe necessario” dichiara la municipalizzata.

“Se le cose stanno così- suggerisce il consigliere capitolino Davide Bordoni – non si capisce il senso di lasciare a casa migliaia di dipendenti della Multiservizi. Sarebbero un valido aiuto nelle verifiche”. Dello stesso avviso il presidente del comitato lavoratori Roma Multiservizi, Franco Gaetani, che afferma: “Ci impieghino in mansioni utili per dare il nostro contributo”. Sulla vicenda è intervenuto anche Raimondo Grassi, presidente del movimento “Roma Sceglie Roma”, che propone di mettere alle fermate gli uomini delle Forze dell’Ordine e della Protezione Civile.

Potrebbero interessarti