Processo a Salvini, Renzi (Iv): “Sì all’autorizzazione a procedere”. Il Senato verso il voto favorevole

Caso Open Arms, il leader della Lega: “Se andrò a processo, ci andrò a testa alta”. Maggioranza compatta per il sì al procedimento
salvini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Per Matteo Salvini il processo per sequestro di persona si avvicina sempre di più. La giunta per le autorizzazioni del Senato sta votando in questi minuti: la maggioranza formata da Pd, M5S, Leu e Gruppo Misto è compatta per il sì al procedimento. Un esito favorevole del voto significherebbe per il segretario del Carroccio l’inizio dell’iter processuale. “Se andrò a processo, ci andrò a testa alta“, dichiara il segretario della Lega. “Salvini non agì per interesse pubblico“, attacca Matteo Renzi, segretario di Italia Viva.

Processo a Salvini, il Senato verso l’autorizzazione a procedere. Renzi (Iv): “Non ci fu interesse pubblico”

La vicenda risale all’agosto del 2019, quando il leader della Lega era ancora ministro dell’Interno. Una nave dell’ong spagnola Open Arms, con 160 migranti a bordo – in maggioranza donne e bambini – chiede l’accesso a un porto. Salvini ne impedisce l’attracco, bloccando l’imbarcazione in mare per 19 giorni.

salvini

“Ritengo la scelta di Salvini un modo per strumentalizzare il consenso, e aumentare i follower sui social“, dichiara il senatore Matteo Renzi, leader di Italia Viva, annunciando il sì del suo partito all’autorizzazione a procedere nei confronti del segretario della Lega. “Per me non c’è interesse pubblico nel tenere un barcone lontano dalle coste“, aggiunge il senatore di Iv.

“Mi mandano a processo come sequestratore di persona per aver difeso i confini del mio Paese e la sicurezza degli italiani? Ci andrò a testa alta, la dignità e la coerenza non hanno prezzo”, attacca poco dopo il segretario della Lega su Facebook.

“Processare Matteo Salvini per aver difeso i confini italiani dall’immigrazione illegale è semplicemente scandaloso. Fratelli d’Italia voterà compattamente, e convintamente, contro l’autorizzazione a procedere”, sottolinea la leader di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

In aula il senatore del Gruppo misto Gregorio De Falco annuncia il sì al processo, e aggiunge: “Non c’è alcuna possibilità di rinvenire la corresponsabilità del presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che scrisse una lettera al segretario della Lega invitandolo a far venire meno il reato che si stava compiendo, impedendo lo sbarco dei minori. Disse a Salvini: fai sbarcare almeno quelli”.

Favorevole all’autorizzazione a procedere tutto il Pd che, per bocca del capogruppo Andrea Marcucci, chiede a Conte “una discontinuità totale sul tema delle politiche migratorie”. Per il Movimento 5 Stelle la senatrice Elvira Evangelista dichiara il voto favorevole al processo.

La strumentalizzazione di un barcone è fatto politico, che sia reato o no non sta a noi valutarlo”, sottolinea ancora Renzi.

“Ritengo quella scelta di Salvini un modo per strumentalizzare il consenso, aumentare i follower sui social. Tu non blocchi l’immigrazione tenendo i migranti a largo, così aumenti soltanto i follower su Facebook. Quel populismo per cui venivano bloccati i barconi vi si ritorce contro”, conclude il senatore di Italia Viva.

Leggi anche: Stato d’emergenza, la Camera approva. Conte: “Nessun ritorno al lockdown”

Stato d’emergenza, la Camera approva. Conte: “Nessun ritorno al lockdown”

Potrebbero interessarti