Papa Francesco regala tamponi e vaccini anti-influenzali ai trans di Torvaianica

trans

Ennesimo atto di vicinanza verso la comunità trans di Torvaianica da parte di Papa Francesco, che in questo momento di difficoltà dovuta all’emergenza sanitaria, ha regalato tamponi e vaccini anti-influenzali.

Tamponi e vaccini anti-influenzali per la comunità trans di Torvaianica: è il regalo di Natale di Papa Francesco

In questo momento, forse, non c’era regalo più appropriato. Papa Francesco ha dato prova ancora una volta della sua sensibilità e concretezza nel sostenere i più fragili.

Il Pontefice ha voluto regalare per Natale alla piccola comunità di transessuali i test per verificare l’eventuale contagio al Covid-19 e i vaccini anti-influenzali, nel segno della solidarietà e dello spirito della “Chiesa da campo”, che lui, argentino come molte delle trans della località nel Comune di Pomezia, sta faticosamente costruendo.

trans

Fondamentale anche in questa occasione la collaborazione del parroco della Chiesa di Beata Vergine Immacolata, Don Andrea Conocchia, che ha consentito la vaccinazione facendosi interprete dei loro bisogni, contattando l’Elemosiniere, il cardinale Konrad Kraiewski, il quale si è subito mobilitato a nome del Papa, inviando un’autoambulanza dal Vaticano, riuscendo così a portare sollievo ad una trentina di trans nel più breve tempo possibile.

Nessuna di loro è risultata positiva al Coronavirus e tutte hanno effettuato il vaccino contro l’influenza.

Non è il primo gesto concreto da parte del Papa nei confronti dei trans di Torvaianica. Ricorderete la richiesta di aiuto della comunità locale durante i mesi del lockdown, che avevamo documentato in un nostro servizio (guarda il video). In quell’occasione era stata inviata una lettera al Santo Padre per ricevere un sostegno economico, vista la particolare condizione in cui si ritrovavano: senza un lavoro, senza permesso di soggiorno e quindi fuori da ogni tipo di contributo da parte dello Stato.

Seppur quell’aiuto non risolse la difficile situazione in cui si trovavano, la mano tesa da Papa Francesco fu un gesto apprezzatissimo. Molti di loro, per la maggior parte provenienti dal Sud America, infatti, hanno una profonda fede cristiana e l’aiuto assunse un significato ancora più importante.

Intanto, il portavoce del Vaticano Matteo Bruni fa sapere che intorno alle 7 di questa mattina, nella Solennità dell’Immacolata Concezione della Beata Vergine Maria, il Papa si è recato in Piazza di Spagna per un atto di venerazione in forma privata a Maria Immacolata.

Alle prime luci dell’alba, sotto la pioggia, ha deposto un mazzo di rose bianche alla base della colonna dove si trova la statua della Madonna e si è rivolto a Lei in preghiera, perché vegli con amore su Roma e sui suoi abitanti, affidando a Lei tutti coloro che in questa città e nel mondo sono afflitti dalla malattia e dallo scoraggiamento.

Leggi anche Torvaianica: inaugurato il presepe di sabbia con la benedizione di Don Andrea

Torvaianica: inaugurato il presepe di sabbia con la benedizione di Don Andrea