Ardea: lite senza fine per le spoglie mortali di Giacomo Manzù

Ardea: battaglia in tribunale per la tomba dello scultore Giacomo Manzù. il Comune non intende cedere alle richieste degli eredi in merito allo spostamento della salma.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Battaglia in tribunale per la tomba dello scultore Giacomo Manzù: il Comune di Ardea non intende cedere alle richieste degli eredi in merito allo spostamento della salma.

Ardea: Lite senza fine per le spoglie mortali di Giacomo Manzù.

Il mese scorso, i figli del celebre scultore hanno presentato ricorso al Tar, chiedendo un risarcimento per il danno economico subito: da un anno attendono il nulla osta del Comune di Ardea per cremare la salma del padre e trasferire le ceneri dal Museo Manzù alla casa di famiglia – nel territorio di aprilia – dov’e’ seppellita anche Inge Schabel, moglie e musa dell’artista.

Ardea: Lite per le spoglie mortali di Giacomo Manzù. Il Sindaco: «non è mia competenza autorizzare lo spostamento.

La Giunta comunale ha deciso di resistere in giudizio e ha nominato un avvocato “per la tutela delle ragioni dell’ente”.  Il Sindaco Savarese aveva inizialmente annunciato di voler assecondare la volonà degli eredi, salvo poi ripensarci: «Ho chiesto un parere al Ministero dei beni culturali, che a sua volta ha interpellato l’avvocatura dello stato, ma nessuno mi ha risposto – si giustifica il primo cittadino – il giardino del museo è un terreno privato. La salma è stata tumulata con permesso speciale del Presidente della Repubblica: non può essere mia competenza autorizzare lo spostamento.»

Leggi anche: Pomezia e Ardea “trascurano” arte, storia e cultura

Pomezia e Ardea “trascurano” arte, storia e cultura

 

Potrebbero interessarti