Ostia, in fiamme i cassonetti davanti all’ex colonia Vittorio Emanuele. Colonna di fumo nero

La Polizia locale e i Vigili del Fuoco sono intervenuti per domare l’incendio. Paura per le macchine parcheggiate
Cassonetti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Incendio a Ostia, in via Giuliano da San Gallo, all’altezza dell’angolo con il Lungomare Paolo Toscanelli. Intorno alle 17 e 30 due cassonetti hanno preso fuoco: in pochi minuti le fiamme hanno distrutto il contenitore della raccolta carta e quello del vetro, e hanno invaso il cassonetto adiacente. Paura per le macchine parcheggiate nella zona. Una colonna di fumo nero si è alzata verso il cielo, visibile da alcune zone della città.

Ostia, cassonetti in fiamme davanti alla sede della Caritas

Ennesimo incendio di cassonetti a Ostia, questa volta accanto alla sede della Caritas dislocata nei locali dell’ex colonia Vittorio Emanuele. Le fiamme hanno colpito anche l’albero che era alle spalle dei contenitori andati in fumo.

video

In attesa dell’arrivo dei Vigili del Fuoco alcuni cittadini sono intervenuti di persona per spegnere l’incendio, prima che le fiamme si estendessero alle macchine parcheggiate vicino. I residenti, armati di pompa per l’acqua, si sono avvicinati e hanno impedito che il fuoco si estendesse ulteriormente.

cassonetti

cassonetti

Dopo circa 25 minuti sul posto sono arrivati i Vigili del Fuoco, e in poco tempo hanno domato le fiamme. Presenti anche gli agenti della Polizia locale, intervenuti per dirottare il traffico su via Giuliano da San Gallo, mentre sul lungomare il transito è rimasto nella normalità.

cassonetti

Non è la prima volta che i cassonetti di Ostia vanno a fuoco: ancora sconosciute le cause del rogo, ma è forte il sospetto di una possibile origine dolosa.

cassonetti

Il video:

video

 

Ti potrebbe interessare anche: Ostia: chiodi e sporcizia. Molte spiagge libere non sono pronte all’arrivo dei bagnanti

Ostia: chiodi e sporcizia. Molte spiagge libere non sono pronte all’arrivo dei bagnanti