Torre Flavia nord: nuovo appello di Scuolambiente per tutelare l’area protetta

Scuolambiente lancia un nuovo appello per tutelare l’area protetta di Torre Flavia. Intanto le 20 tamerici piantate dai volontari hanno attecchito e stanno crescendo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Scuolambiente ha lanciato un nuovo appello per tutelare e valorizzare l’area protetta di Torre Flavia nord. Intanto le 20 tamerici piantate dai volontari hanno attecchito e stanno crescendo.

Torre Flavia: Scuolambiente lancia un nuovo appello per tutelare l’area protetta

Già a febbraio l’associazione aveva segnalato la presenza dei resti della demolizione di un manufatto abusivo inviando una letta all’Arsial, a Città Metropolitana e per conoscenza al Comune di Cerveteri.

“A oggi però nessuno è intervenuto – spiega Scuolambiente – ci auguriamo che con la ripresa delle attività e con l’avvicinarsi della stagione estiva le istituzioni tornino a occuparsi dell’area mettendola in sicurezza, al fine di consentire una fruizione tranquilla e piacevole”.

torre flavia

I dati positivi delle perlustrazioni nell’area di Torre Flavia

“Diversi dati positivi, invece,  – prosegue Scuolambiente – sono emersi dalla perlustrazione effettuata: la coppia di fratini che aveva nidificato sulle dune si è ritirata nel vecchio sentiero di accesso alle dune ormai chiuso da tempo. Inoltre le 20 tamerici piantate dai volontari hanno attecchito e stanno crescendo. In questo periodo di ‘inattività umana’ la natura ha continuato il suo ciclo vitale e ora si stanno ripopolando le piante tipiche del territorio. Scuolambiente – conclude l’associazione – è pronta a ripartire appena possibile con eventi che possano aiutare a far rinascere un’area che per troppo tempo aveva subito l’abbandono e l’incuria”.

Ti può interessare anche: “La mobilità post Covid-19: ecco le 5 idee di Legambiente”

Potrebbero interessarti