La storia di Anna e Laura: “Siamo sul lastrico ma per noi nessun ristoro”

Anna e Laura, due facce della stessa medaglia, entrambe senza alcun “ristoro”
ristoro
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

E’ di ieri la notizia della pubblicazione in Gazzetta ed entrata in vigore del Decreto Ristori con cui il Governo ha stanziato i contributi a fondo perduto per le imprese colpite dall’emergenza Covid (leggi qui). Sono ben 53 le categorie sostenute dai finanziamenti statali, ma tra queste non ci sono quelle di Anna e Laura, due imprenditrici del nostro territorio che non beneficiano di alcun “ristoro”.

Anna e Laura, due facce della stessa medaglia, entrambe senza alcun “ristoro”

Anna e Laura sono due facce della stessa medaglia: entrambe sono sul lastrico con le loro attività, rispettivamente una scuola di danza e un’azienda di commercio all’ingrosso di souvenir. Da mesi sono costrette a fare sacrifici e finora non avevano mai perso la speranza. Adesso però, letto l’ultimo Dl Ristori in cui tra i codici Ateco non appaiono le loro categorie, sta per svanire anche quella. Due imprese diverse, ma con la stessa necessità… quella di sopravvivere e dar da mangiare alle famiglie e ai collaboratori.

Anna, un carattere da vendere pari solo alla sua passione, è stata costretta a chiudere per la seconda volta la sua scuola di danza di Ostia a causa delle restrizioni per la seconda ondata della pandemia. Come dice Coez in una delle sue canzoni “ho una scuola di danza nello stomaco“. Ed è proprio così per Anna che sta facendo di tutto per salvare il suo lavoro, ma che giorno dopo giorno, dpcm dopo dpcm, è costretta a digerire bocconi sempre più amari.

“Con il lockdown abbiamo dovuto abbassare le saracinesche e come gli altri titolari di partita IVA abbiamo ricevuto i contributi dello Stato. – fa sapere Anna – Personalmente, ho beneficiato in tutto di tre bonus: nei mesi di marzo e aprile i famosi 600 euro e a maggio un contributo per la diminuzione di fatturato. Ma ora, che con il nuovo DPCM ci fanno richiudere, inspiegabilmente, la mia scuola non è stata inserita in alcuna categoria e di conseguenza non avrò diritto ad alcun ristoro. Ho sempre rispettato tutte le regole, ho sempre pagato le tasse. Ho aperto l’attività con i miei titoli di diploma accademico, senza scorciatoie. 

Dopo la fase 1, ho riaperto con la metà degli allievi rispetto all’anno precedente, ma ne ero consapevole. Poi però la situazione è peggiorata e il Governo ci ha bloccato nuovamente. Insieme ad altri colleghi del settore, ho inviato una lettera all’Accademia Nazionale di Danza, per chiedere di essere tutelata – prosegue Anna – I nostri politici fanno riferimento solo ed esclusivamente alle associazioni sportive dilettantistiche o alle associazioni culturali, ma per me che sono una “libera insegnante” (codice Ateco 855990), non è previsto alcun ristoro. Anche il ministro dello sport Spadafora che ad inizio pandemia aveva menzionato i centri danza, ora ha fatto sparire questa parola dal suo vocabolario.

In tutto ciò è evidente che c’è qualcosa che non va. Andrebbe stanziato un contributo per la categoria, non per la forma giuridica dell’attività. In questo modo si eviterebbero equivoci come questi.

Ci tengo a ringraziare i proprietari del locale della mia scuola di danza che mi hanno permesso di riaprire ad ottobre e mi hanno dimezzato l’affitto, ma probabilmente la loro bontà non basterà a salvare la mia attività”. – conclude Anna.

Lo stesso problema con i codici Ateco è stato riscontrato anche da Laura, titolare di un commercio all’ingrosso di souvenir. Il suo caso non rientra tra quelli previsti nel nuovo decreto legge e quindi non ha diritto, finora, ad alcun “ristoro”. La crisi del turismo nella Capitale però si fa sentire e portare avanti questo tipo di lavoro è pressochè impossibile.

“Se alberghi, villaggi turistici, affittacamere, rimesse camper, ostelli della gioventù, – spiega – hanno diritto a un ristoro, perchè attività come la mia, che guadagna con il turismo come loro, no? Io rifornisco esclusivamente clientela della zona turistica di Roma che è allo stremo vista la mancanza di turismo. Siamo considerati come l’ultima ruota del carro, forse perchè non siamo andati per strada a bruciare cassonetti o a spaccare vetrine. Evidentemente non abbiamo “spaventato” abbastanza il Governo Conte”. – conclude amareggiata Laura.

Leggi anche Sport, nuova stretta: vietati anche gli allenamenti in forma individuale

Sport, nuova stretta: vietati anche gli allenamenti in forma individuale

Potrebbero interessarti