Roma, preoccupa il focolaio del San Raffaele Pisana: sale il numero dei contagiati

Allarme per l’estensione dei contagi nella struttura di via della Pisana: 41 i casi positivi. L’assessore alla Sanità D’Amato: “Tamponi per tutti i pazienti dimessi”
focolaio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

A Roma l’allerta per il focolaio del San Raffaele Pisana è al massimo livello: continuano a salire i contagi riconducibili alla struttura degenza, blindata da venerdì e dichiarata zona rossa dal Prefetto di Roma. I casi positivi hanno raggiunto in queste ultime ore quota 41. Individuato il paziente 1: è un operatore sanitario dell’ospedale di via della Pisana, che ha sviluppato il Covid-19 a inizio maggio.

Coronavirus, focolaio al San Raffaele Pisana: salgono a 41 i contagi, 2 le vittime

L’allarme è ancora alto: nel corso del fine settimana si è passati da 31 contagiati e una vittima a 41 positivi e due morti, tutti riconducibili al focolaio del San Raffaele Pisana, in zona Portuense. Da venerdì scorso intorno alla struttura è scattato il cordone sanitario: l’intera area è stata dichiarata zona rossa. A presidiare gli ingressi le forze dell’ordine, sotto il comando del Prefetto di Roma, Gerarda Pantalone.

Tutti i pazienti dimessi dall’ospedale di via della Pisana a partire dal 18 maggio scorso sono stati contattati dalla Asl Roma 3, per effettuare il tampone: la richiesta è stata estesa anche a tutti i parenti stretti di chi ha frequentato la struttura. Il test dovrà essere effettuato presso le postazioni drive-in di via di Casal Bernocchi e dell’ex ospedale Forlanini.

“Andremo a cercare uno ad uno tutti i contagiati. Al momento i casi positivi sono stati trasferiti dalla struttura e rimaniamo in attesa dell’esito degli ultimi tamponi”, spiega l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato.

focolaio

A scatenare il focolaio, sottolinea D’Amato, è stato un operatore sanitario, a inizio maggio. L’assessore ne è convinto sulla base dei risultati dell’indagine epidemiologica scattata all’indomani della scoperta del cluster di contagi, giovedì scorso. “Questo focolaio dimostra che non bisogna abbassare la guardia. E che vanno rispettate tutte le indicazioni”, sottolinea D’Amato.

Caccia al paziente 1: individuato l’operatore sanitario che per primo ha sviluppato la malattia

La Asl Roma 3 ribadisce e conferma quanto affermato dall’assessore regionale D’Amato: “Al momento il caso indice del focolaio è riferibile ad alcuni operatori della struttura. I pazienti ammessi nell’ospedale San Raffaele, oltre ad essere sottoposti ad un adeguato distanziamento e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale, debbono per 14 giorni essere posti in isolamento precauzionale”, sottolinea il commissario straordinario della Asl Roma 3, Giuseppe Quintavalle.

focolaio

I dirigenti del San Raffaele Pisana sono però di parere opposto: per loro si tratterebbe invece di un cluster di contagi portato da un paziente proveniente da altri ospedali.

“Pur non intendendo scendere in sterili ed inutili polemiche e contrapposizioni strumentali”, affermano i vertici del San Raffaele, “sembra emergere un’origine derivata dall’invio di pazienti già positivi da parte di alcuni presidi ospedalieri”.

L’assessore alla Sanità però ribadisce i risultati dell’indagine epidemiologica: il contagio è partito dal personale sanitario del San Raffaele Pisana, spiega in un comunicato.

Leggi anche: Roma, allarme focolaio. Zona rossa intorno al San Raffaele Pisana, 31 casi e una vittima

Roma, allarme focolaio. Zona rossa intorno al San Raffaele Pisana, 31 casi e una vittima

I più recenti
I più letti
Potrebbero interessarti