“Tevere navigabile”: Il Governo lancia un progetto da 420 milioni di euro

Tevere navigabile con imbarcazioni elettriche da Fiumicino a Castel Giubileo. E’ quanto prevede il progetto lanciato dal governo con i fondi europei del Recovery Fund
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

Il Governo ha lanciato un progetto per rendere il Tevere navigabile con i fondi del recovery fund. Imbarcazioni elettriche da Fiumicino a Castel Giubileo.

Dare nuovo impulso alla Capitale attraverso la valorizzazione del suo fiume. Con questo intento il Governo ha lanciato un progetto da 420 milioni di euro per rendere navigabile il Tevere, da Fiumicino a Castel Giubileo. L’iniziativa sarà realizzabile grazie ai finanziamenti del Recovery Fund e coinvolgerà diversi soggetti ed enti del territorio. Il programma di interventi è molto ricco e prevede l’ampliamento della fruibilità del fiume nonché il risanamento ambientale e naturalistico.

Attualmente il Tevere, nella città di Roma, è parzialmente navigabile da piccole imbarcazioni, canoe e battelli, in alcuni tratti a partire dalla Diga di modulazione di Castel Giubileo a nord fino alla foce ad Ostia a sud, a causa della presenza di alcune rapide (ad es. nei pressi dell’Isola Tiberina) e bassifondi.

Tevere navigabile: le opere previste

Tra le opere previste: scale, ascensori, rampe di accesso, misure per mitigare l’erosione delle sponde e si parla anche del terminal crociere di Fiumicino. Sul Tevere verrà attivato un servizio di trasporto fluviale di passeggeri con imbarcazioni elettriche conformi ai più alti standard di sostenibilità ambientale. “E’ un’opportunità senza precedenti – spiega Roberto Traversi, sottosegretario del Ministero delle Infrastrutture – tutto dipende dall’Europa, ma se verrà approvato, sarà un progetto rivoluzionario per Roma”.

“L’elettrificazione degli spostamenti cittadini è un processo irreversibile e fondamentale, tanto sulle strade, quanto in acqua. Per questo, con il ministero dell’ambiente, stiamo lavorando ad un piano di incentivazione dell’utilizzo di motori a trazione elettrica nella nautica”. – conclude Traversi.

Ti potrebbe interessare leggere anche: Relitti affondati sul Tevere: a Fiumicino è iniziata la rimozione (VIDEO)

redazione@canaledieci.it

Potrebbero interessarti