Fiumicino, terminata la pulizia delle spiagge libere

L’assessore all’Ambiente Cini: “In ogni spiaggia posizionati contenitori per la raccolta dei rifiuti differenziati”
stabilimenti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su pinterest
Condividi su email

A Fiumicino è stata completata la pulizia delle spiagge libere, curata dal Comune e dalla giunta guidata dal sindaco Esterino Montino. E in ogni spiaggia “sono stati posizionati contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti”, spiega l’assessore all’Ambiente Roberto Cini. Via libera ora all’estate: gli abitanti di Fiumicino possono andare al mare in sicurezza, rispettando naturalmente il distanziamento anti-contagio.

Fiumicino, completata la pulizia delle spiagge libere: arenili pronti ad accogliere i bagnanti

Le spiagge libere di competenza del Comune di Fiumicino sono pulite. “La nuova ditta che si è aggiudicata l’appalto della pulizia delle spiagge libere ha terminato i primi interventi in tutti gli arenili: Isola Sacra, Fiumicino,  Focene, Fregene, Maccarese e Passoscuro“, dichiara l’assessore all’Ambiente del Comune di Fiumicino, Roberto Cini.

pulizia

In ogni spiaggia – aggiunge Cini – sono stati posizionati i contenitori per la raccolta dei rifiuti differenziati. Il nuovo piano estivo, fino al 27 settembre 2020, prevede a Focene, Fregene e Passoscuro anche il posizionamento di 3 postazioni di raccolta per il conferimento delle frazioni di rifiuto organico e secco residuo”.

“Le postazioni sono attive tutte le domeniche e i giorni festivi dalle ore 18:00 alle ore 24:00, nelle seguenti località: Fregene, via Cesenatico (fronte Centro di Raccolta); Focene, via Coccia di Morto (angolo Via dei Polpi); Passoscuro, via Florinas (fronte Centro di Raccolta)”, spiega l’assessore all’Ambiente.

“Per le Utenze Domestiche anche nel periodo estivo sono disponibili le giornate ecologiche itineranti per il conferimento gratuito di rifiuti ingombranti, Raee, sfalci e potature, batterie auto, pneumatici, oli vegetali esausti e lampadine”, conclude Cini.

Ti potrebbe interessare anche: Fiumicino: allarme per il mondo del lavoro

Fiumicino: allarme per il mondo del lavoro